giovedì 15 settembre 2005

Sale giochi

Quando vado al mare sono un appassionato frequentatore delle sale giochi. Ehm, a essere sincero sono un appassionato frequentatore fantasma o peggio un appassionato frequentatore parassita visto che mi piace un sacco guardare gli altri giocare ma non spendo mai un solo centesimo visto che sono convinto della superiorità grafica dei giochi su PC. Certo, in sala giochi ci sono un sacco di attrezzi diabolici che mi tentano sempre come fucili a pompa, pistole, e fucili da tiratore scelto. Mi ricordo ancora un bancone con fucili tipo Uzi e i terminator da fare fuori sullo schermo. Negli ultimi anni sono stato poco al mare e a Bellaria ho avuto l'impressione che i videogiochi fossero piuttosto vecchi. Ho infatti trovato uno dei videogiochi preferiti che avevo visto per la prima volta due o tre anni fa a Lignano Sabbiadoro. E ho fatto davvero fatica a resisterci!Il gioco si chiama Silent Scope EX e si usa un fucile da tiratore scelto sia nella versione "Poligono" (abbattere più bersagli possibili nel minimo tempo) che in quella "Adventure" in cui dovete fare fuori i cattivoni che si presentano via via che il gioco avanza. Il gioco secondo me ha un piccolo difetto ossia che il fucile è posto sopra una colonna piuttosto alta e quindi diventa difficilissimo da manovrare decentemente anche per me che sono alto 1.70. Figuriamoci un ragazzino... Comunque, visto questo fatto, visto che sono contrario a giocare ai giochi della sala giochi, visto che già faccio abbondante esercizio di sniperaggio (neologismo per "esercizio come tiratore scelto") in America's Army e che probabilmene il gettone mi avrebbe fato giocare per pochi minuti (se non decine di secondi), ho lasciato perdere. Certo che se si potesse avere un simile baracchino a casa... ^_^ Tornando alla sala giochi, la cosa che mi stupisce di più non sono i ragazzini che vanno a spendere le decine di euro in videogiochi dato che a casa non è possibile avere schermi così grandi oppure aggeggi come finti fucili o pistole ma quelli (in realtà di solito ragazze) che vanno a giocare ai "Coin Pusher". I Coin Pusher (ne potete vedere diversi modelli QUI ) sono quei banconi in cui nella parte alta sono poste delle fessure in cui inserire i gettoni. I gettoni poi cadono con diversi meccanismi nella parte bassa su un vassoio dove ci sono delle palettine che li spingono verso il fondo fino a cadere nella fessura che c'è alla fine da cui poi possono essere recuperati dal giocatore. Ovviamente non è che ogni gettone che buttate vi torna indietro. La maggior parte rimane sul vassoio! Sopra alle monete sono posti i premi che dovrebbero cadere insieme ai gettoni. Ora, mi fate capire:
1) che divertimento c'è a buttare dentro gettoni in una macchina?
2) che soddisfazione c'è a vincere premi che trovate identici dai marocchini?
ma soprattutto:
3) chi ve lo fa fare di buttare dentro tanti costosissimi gettoni per premi così tristi?
Mi chiedo questo perchè come è possibile che una tizia abbia speso più di 40 euro per due cagnolini di tessuto grandi 10 centimetri Made in China? Non si è resa conto che poteva comprare dei bellissimi pelouche alla stessa cifra? Poi la gente dice che non ha i soldi e che con l'euro non possono più permettersi niente...

Foto cortesia Manfredini

5 commenti:

  1. viva i videogames ... però a me piacciono solo quelli "vecchi" vedi SuperMario, Pong, Booble Booble insomma... platform vecchio stile tanti colori e concetti facili

    RispondiElimina
  2. Allora sarai una patita del MAME!
    :-P

    RispondiElimina
  3. Un'emulatore? Ahhh no no che giocare al PC non mi piace ( io sono ancora affezionata alle manopoline del Nintendo )

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P