venerdì 10 giugno 2005

Per me la moda è...

Oggi prendo spunto da un articolo che ho letto su LEGGO per parlare di MODA. "Cosa metterete quest'estate?" "Quest'anno proibiti i pinocchietti" recita l'articolo. La prima risposta che mi passa per la testa è "ma chissenefrega!". Chissenefrega cosa metterò quest'estate e chissenefrega se non vanno più di moda i pantaloni 3/4 (pinocchietti è un nome che ho sempre odiato). Il mio concetto di moda è profondamente influenzato dai miei gusti personali. Se anche una cosa è di moda ma non mi piace, non la metto. Se non è più di moda ma mi piace, continuo a metterla. Che senso ha seguire i gusti ballerini degli stilisti il cui unico scopo è farvi spendere (tanti) soldi ogni anno in vestiti nuovi? Per carità, non sono certo quello che vuole far durare la roba a ogni costo. Non mi metterei mai un paio di Nike di 10-15 anni fa quando il design e i materiali usati erano diversissimi. Vi ricordate le classiche Nike di pelle, bianche col baffo blu?
Mi ricordano una mia compagna che le desiderava tanto e alla fine era riuscita a farsele regalare! OK, ora sono immettibili: si vede che stai riciclando un vecchiume terrificante! E comunque a mio parere sono piuttosto immettibili anche le imitazioni che vanno di moda in questo momento. Al giorno d'oggi abbiamo la possibilità di mettere una scarpa fatto con materiali nuovi, più gradevoli da vedere, sicuramente più comoda visto che l'ammortizzazione non è più data solo dalla suola di gomma ma anche da più o meno complicati sistemi a base di molle, cuscinetti d'aria e via dicendo .
Ritornando al nostro discorso: perchè buttare qualcosa che ha solo 1 o 2 anni? Soprattutto, perchè gettare QUALCOSA CHE CI PIACE? Allora, anche se non sono più di moda, continuano a piacermi i capi mimetici, le piastrine militari di riconoscimento, i pantaloni 3/4, i top, le Silver e le Shox e non so cos'altro: tutte cose che fra l'altro su una ragazza a me piacciono più che mai! La moda deve essere un suggerimento, non un obbligo. La moda non c'è solo per i vestiti. E' divertente ricordare come ai tempi dei paninari era di moda l'hamburger (oltre alle Timberland http://www.timberland.it , al Moncler http://www.moncler.it ...). E che dire del periodo in cui fuori da Pastarito e Pizzarito ( http://www.pastarito.it ) c'era una coda esagerata? Poi dopo il boom e le aperture una dietro l'altra, ora i Pastarito Pizzarito si sono notevolmente ridotti. Aggiungo poi la moda dei piercing e poi dei tatuaggi. Da un anno con l'altro polpacci, colli, braccia si sono riempiti di farfalle, motivi etnici e chi ne ha più ne metta. Le mode vanno benissimo, sono una bella cosa ma quello che propongono uno lo deve fare perchè è convinto e gli piace, non perchè fa figo...

Nessun commento:

Posta un commento

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P