mercoledì 22 giugno 2005

La rana, l'ape e il comunista

Ieri ero così consumato dal lavoro e dal caldo che alle 21.30 ho spento tutto. Oggi invece, a parte un avvio un pò brusco, tutto sembra procedere in modo più riposante così posso intrattenervi con il solito piccolo affresco di vicende metropolitane che avvengono sull'autobus che mi porta in ufficio. La prima cosa da notare è che alla mattina gli autobus non hanno mai l'aria condizionata inserita e fa parecchio caldo. La gente apre allora i finestrini così quando in mezzo alla giornata c'è un caldo micidiale e l'autista fa partire l'aria condizionata, il caldo resta praticamente lo stesso visto che il mezzo è diventato rovente e i finestrini sono ancora aperti. Non commentate questo fatto per favore, si commenta da sè. Voto 3 alla gente che non riesce a capire che quando parte l'aria condizionata è bene sigillare tutto e Voto 2 all'ATM che romperà le palle agli autisti di far andare l'aria condizionata il meno possibile per risparmiare sul carburante. E veniamo a stamattina.

Salgo, mi accomodo a metà autobus e subito di fianco a me si siede una bruttona con l'aria scocciata. Comincio a pensare ai fatti miei quando l'autobus fa una curva piuttosto bruscamente. Vengo sballottato, mi tengo agli appigli e sento una mano appiccicosa che mi si appoggia sul lato come a spingermi via. Ancora lei. Ma cosa vuoi da me? Ma credevi che ti rovinassi addosso? Che sensazione orribile quelle manacce umidicce, perchè non ha tenuto le sue mani appiccicose a posto? Mi ha fatto subito venire in mente quelle rana con la pelle velenosa che non devi toccare se non vuoi stare subito male. REPELLENTE


Sempre sul bus a un certo punto sale una ragazza e si piazza davanti a me. L'ho già vista diverse volte e non me la posso scordare perchè ha degli occhiali da sole terribili: grandi, rotondi e scuri che mi fanno tanto venire in mente una versione gigante dell'ape Maia. Già, l'ape Maia la tenere piccola ape che andava di moda quando ero piccolo. Ma qui è 100, 1000 volte più grande e si è trasformata in un incubo. Orrore nell'orrore, gli occhiali hanno due gigantesce D e G ai lati, tutte fatte con i brillantini. PUNGENTE (dal cattivo gusto)

Infine, verso la fine del viaggio, ho potuto notare alla mia sinistra un distinto signore, capelli brizzolati, in giacca (sul braccio), camicia bianca e cravatta. In mano una copia del Manifesto che tentava di leggere senza dar fastidio a nessuno. Mi ha fatto venire in mente Cofferati. Ovviamente non era lui. L'ho riguardato bene e mi ha ispirato simpatia malgrado il mio primo pensiero fosse stato "'sto qui vota Bertinotti al 100%". E' strano come ci siano persone che sanno subito ispirare simpatia per come appaiono e come si muovono e altre che invece sono subito odiose come la rana poco sopra. BANDIERA ROSSA PORTATA CON CLASSE

**AGGIORNAMENTO**

Leggo sul Corriere on-line ( Http://www.corriere.it )
vendite al dettaglio: -3,9% in aprile In discesa dello 0,8% anche rispetto al mese precedente. Negativo il dato sugli alimentari. Piccola distribuzione in crisi. Sud -8,2%

Toh, che strano. Il brillante genio che commenta questi dati si è dimenticato di dire che IL NOSTRO STIPENDIO è rimasto INVARIATO rispetto all'anno scorso quando I PREZZI sono sicuramente stati ADEGUATI al nuovo anno.
I soldi sono quelli, non si creano dal nulla: se a parità di stipendio aumentano i prezzi, diminuiscono i consumi. Semplice, no?

2 commenti:

  1. In effetti se ne vedono di tutti i colori.
    Ogni mattina rendo il treno Arcore-Milano P.ta Garibaldi e scene di quel tipo ce ne sono a bizzeffe.
    Idem il concetto dell'aria condizionata. Mi spiegate come mai solo alla mattina trovo treni con la'ria condizionata ( che potrebbe anche non servire) ed al pomeriggio invece niente.

    RispondiElimina
  2. Ma scusa, la cosa si risolve velocemente e in modo brillante chiedendo al Berlusca se ti può dare uno strappo in elicottero, no? :-P

    RispondiElimina

A Grissino piace molto sapere come la pensi: dai, dai, lasciami un commento!! :-P