giovedì 30 giugno 2005

Sei una lagnaaaaaaaa

Cara collega,
sei una delle persone più lagnose che io abbia mai conosciuto sulla faccia della terra. A nessuno va sempre tutto bene ma mi chiedo come mai a te invece vada sempre tutto storto. Il lunedì mattina cominci dicendomi che sei stanca del week end. Gli altri giorni ti accontenti di dirmi che non sei riuscita a riposarti. Di notte infatti non dormi mai. Una volta è il caldo, l'altra i vicini che fanno rumore. Poi ci sono le zanzare. Se queste cose non disturbano la tua esistenza, non dormi perchè sei stressata. Durante la giornata, se si ha poco tempo, è meglio non chiederti "come va?" perchè altrimenti si riceve una lunga lista di tutti gli inconvenienti avvenuti internamente e coi clienti. Nella pausa pranzo è bene non frequentarti perchè questa volta è il cibo il soggetto dei tuoi lamenti: una volta ti fa vomitare, l'altra "è una schifezzina". Ogni tanto però mi regali una variazione e mi posso gustare un "guarda cosa mi sono ridotta a mangiare". Il venerdì che è l'ultimo giorno della settimana conviene salutarti con un semplice "ciao" perchè ogni altro augurio riceve in cambio espressioni tipo "figuriamoci, devo pulire casa", "eh, sì, magari... ho un sacco di cose da fare". Non passa giorno in cui non ti chiedi ad alta voce "quando arrivano le ferie?" (facendolo sentire a tutto l'ufficio ovviamente) e al ritorno dalle vacanze sei già lì a lamentarti che ti sono costate un patrimonio e sei in bolletta. Ragazza mia ti ringrazio però di una cosa: che non ti lamenti mai che sei single!!

Devo confessarvi che più passa il tempo e più divento insofferente verso le persone lagnose come la mia collega. Io non dico che bisogna avere sempre il sorriso stampato e dire sempre "è tutto OK". Però, cavolo, non puoi neanche essere una lamentela continua!!! Mi piacciono le persone solari, le persone ottimiste che riescono a trovare le cose belle anche nella routine giornaliera. Quelle che sanno gioire non solo quando vincono al totocalcio ma anche quando riescono a cucinare bene un dolce. Quelle che gioiscono perchè possono vedere un bel paesaggio, sentire la fragranza di un Lilium e correre in mezzo a un prato. Il protagonista della pubblicità dell'Unieuro sarà anche odioso ma quello che dice è la sacrosanta verità.

mercoledì 29 giugno 2005

Il mio regno... la casa!

Prendendo spunto dalla discussione nata ieri sulla casa vorrei farvi notare un concetto importantissimo scritto da Biscia "Voglio la mia mia mia mia! Tutta e solo mia :p". Fin da quando andavo alle medie ho sempre notato che alcune persone hanno un concetto positivo della casa mentre altri tendono a considerla solo qualcosa di appartenente alla propria routine e tendono a starne fuori più possibile preferendo cinema, ristoranti, pub, ecc., ecc. Insomma, la vedono come un qualcosa dove mettere le proprie cose per evitare che te le rubino, un posto dove mangiare e dormire al riparo dal freddo o dal caldo, un posto dove essere raggiungibili se qualcuno ci spedisce qualcosa. E basta. La casa per me è qualcosa di più. La casa è il mio regno, il posto dove sto tranquillo, dove sto bene e dove sto volentieri. E' il posto dove ho tutte le mie cose e dove posso fare le cose che mi piacciono. Qualche settimana fa un mio amico mi ha detto "ma non vorrai mica prendere le ferie e restartene a casa a Milano?". E perchè no, gli ho risposto. Quella settimana lì sarò solo, avrò la casa tutta per me, mia mia mia mia come ha detto Biscia e potrò dormire quando voglio, mangiare quando voglio, cucinare quando voglio, vedere film quando voglio, uscire quando voglio, invitare chi voglio, scrivere sul Blog quando voglio... non è vacanza questa? La vacanza non deve essere per forza lontano da dove si sta di solito. C'è la vacanza "gita" nella quale si va al mare, in montagna, in un'altra città e c'è la vacanza riposante, quella in cui fai quello che ti pare, quando ti pare... e dove farlo meglio se non nel proprio regno dove hai tutto? :-)
Per me la casa è qualcosa di importante e non mi piace condividerla con la prima persona che mi paga mezzo affitto come suggerito da Alex o Videogirl. Mi sentirei ospite. Fatemi andare coi mezzi pubblici, fatemi stare 8 ore di fila davanti al PC, fatemi cucinare un week end intero, rinuncio pure alle vacanze al mare ma non toccatemi il mio regno che mi sono costruito su misura e che mi accoglie fra le sue braccia ogni giorno. Condividerlo con qualcuno che non sia la mia ragazza sarebbe come requisire un pezzo del mio regno, un pezzo della mia proprietà...

Detto questo vi illustro brevemente come vorrei che fosse la mia casetta (quella che vorrei comprare intendo). Almeno idealmente. La vorrei in campagna ma una campagna bella, verde come per esempio in Piemonte in un paese non troppo lontano da una media città (per dare un'idea tipo Lodi, Parma, Mantova, ecc.). Non mi interessa tanto se è una vera propria villa o un cascinale riadattato, in ogni caso dovrebbe avere un giardino dove giocare con la mia dalmata, invitare gli amici a mangiare e a passare del tempo insieme. Già ci immagino un bel gazebo (magari due uniti) con zanzariera per evitare punture o insetti fastidiosi. Di lato un bel BBQ in muratura. Se possibile, un garage al piano terra. In casa, un bel access point Wireless con ADSL così da poter navigare anche dal giardino. D'un lato, un piccolo spazio per l'orto per coltivare quelle poche cose che non sono difficili da far crescere e mi piacciono un casino: basilico, zucche, magari lamponi... In casa vorrei che i due locali cardine fossero la cucina e il soggiorno. La cucina, spaziosa, con numerosi piani d'appoggio e un grosso tavolo. Magari con il gruppo fornelli e forno nel centro. Sui mobili in generale e quelli della cucina ho pochissime preferenze ma sugli elettrodomestici ho le idee ben chiare! Ho visto una bellissima cucina Lofra con 4 fuochi a gas e in mezzo la piastra in vetroceramica.Forno super largo 90 cm per cuocere due torte nello stesso momento o due teglie di biscotti. Inoltre dovrebbe avere delle griglie fighissime antiribaltamento.E' il modello di punta della serie MaxMaxima e dovrebbe venire sui 1000-1200 euro. Sono tanti? Dipende se uno le cose le usa o meno e io forno e fornelli li userei almeno una volta al giorno (già ora quando sono da solo è così). Stesso discorso per il frigo. Quando faccio un invito mi innervosisco se non ho posto a sufficienze per le mie preparazioni e quindi ho visto da Mediaworld un bellissimo frigo "allargato" NOFROST (fondamentale, davvero non paragonabile a quello classico nella conservazione dei cibi) della LG. La versione non metallizata viene sugli 800 euro.Il mio sogno sarebbe uno a doppia porta ma per ora sono troppo cari e la funzione NOFROST è fondametale. Poi la lavapiatti (va bene una "tranquilla") e microonde (senza funzioni particolari ma capiente). Ripeto, dei mobili mi frega davvero poco e guardo con pena a quelle cucine fatte con legni pregiati o elegantissime con degli elettrodomestici penosi... La cucina è un luogo di lavoro, non un posto dove sfoggiare il lusso. L'altro locale che vorrei molto grande è il soggiorno. Grande perchè ci andrebbe il proiettore e l'impianto Dolby Digital, il PC e un bel, comodissimo, lungo divano (trasformabile in divano letto? Boh...) e un altro grandissimo tavolo per gli inviti a cena. Alle pareti locandine e nelle bacheche ai lati un pò di roba che colleziono. Gli altri locali li arrederei col minimo della spesa ad eccezione di rete e materasso (se no ci si rimette la schiena). Mi servirebbe anche una megalibreria ma non bella o costosa: semplicemente solida per tenere su tutti i libri e i romanzi che ho. Questo vorrei fosse il mio regno... spero un giorno di avervi graditi ospiti per una grandiosa cena! ^_^

martedì 28 giugno 2005

Ragazzi mammoni? Ma vaffanc*** !!!

Stasera ho voglia di mandare a fanc*** qualcuno. Chi si offre?! :-D
Qui in casa stasera davano tutti i numeri. Meglio che vada a dormire. E' ora che mi cerchi una casetta per conto mio ma il problema non sta lì. E' inutile che i giornali sparino le classiche stronzate tipo "i ragazzi di oggi sono mammoni": qui il problema è un altro. Con cosa ci si paga la casa? A Milano un monolocale decente in una zona dove puoi uscire la sera senza rimanere in mutande costicchia parecchio. Gli stipendi sono rimasti praticamente invariati quando negli ultimi anni tutto è aumentato. Quando si va a vivere da soli c'è da pagare diversa roba e ci sono persone che guadagnano 1000/1200 euro al mese... lo sapete che con quelli ci pago solo l'affitto di un monolocale bucoso? E il mangiare? E i vestiti? E se sto male? E se devo andare dal dentista? E se mi si rompe la macchina/la lavapiatti/il PC/il forno/la lavatrice eccetera eccetera? E non mi venite a dire che non sono cose fondamentali: sono cose che IN UN PAESE CIVILE e per un LAUREATO dovrebbero essere NORMALI (l'idraulico che invece ha due o tre case è un'altra faccenda ma lì è perchè eravamo, siamo e saremo sempre uno stato vergognosamente comunista sebbene l'URSS non esista più!Non so se lo sapete ma lì nella gloriosa Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche gli operai guadagnavano più dei laureati e da noi succede lo stesso per quasi tutti i laureati). Non sto parlando di VACANZE LUSSUOSE, CAVIALE, VESTITI FIRMATI, no, sto parlando delle cose che servono in una casa per mantenere un certo decoro. Se dovessi andare a vivere per conto mio qui a Milano riuscirei sì a campare fino a fine mese ma dubito che riuscirei a mettere via qualcosa per il mio futuro o per le emergenze. Quindi fanc*** al giornalista di turno che non va al di là del proprio naso quando commenta un certo fenomeno sociale. IO SO BADARE A ME STESSO, SO CUCINARE, PULIRE, CUCIRE, STIRARE, FARE QUALCHE PICCOLO LAVORETTO DI MURATURA, IDRAULICA E SULL'IMPIANTO ELETTRICO. MI MONTO IL PC DA SOLO, SO CAMBIARE LE RUOTE E LE CANDELE ALLA MIA MACCHINA MA, UDITE, UDITE, ALL'ETA' DI 33 ANNI VIVO ANCORA COI MIEI!!! Perchè? Non perchè non sono capace di badare a me stesso o perchè non ne abbia voglia ma perchè sono in attesa della prima occasione (lavorativa) che mi capiti per andarmene via da Milano, comprare casa e starmene per conto mia senza vivere come un morto di fame. Sto facendo dei sacrifici, mettendo via i soldi, NON STO SPENDENDO E SPANDENDO SOLDI A DESTRA E A MANCA, è chiaro o no? Quindi prima di giudicare me e le altre migliaia di ragazzi che sono ancora in casa dai genitori e nelle mie stesse condizioni, RIFLETTETE. Grazie. Ah e già che ci siete, se mi avevate dato del mammone, andate anche a fanc***! Così almeno qualcuno ce l'ho mandato. ^_^

Sfiga Day

Oggi stanno andando un pò di cose storte... Tanto per cominciare stamattina l'autobus ha inchiodato e mi sono ritrovato un Mr. Sacco di Patate addosso (poveraccio, in fondo non era nemmeno colpa sua): per fortuna che ero ancorato solidamente allo schienale dove di solito si appoggiano le sedie a rotelle degli handicappati. Poi in ufficio una delle pareti di legno (quella con tutte le apparecchiature di telefonia e una delle connessioni a Internet) ha deciso che era meglio riposarsi a terra che stare attaccata al muro (per fortuna non ero nei paraggi). Che dire?! Che la sfiga se ne vada via prima possibile!!!

Voglio consolarmi pensando alla bellissima ragazza bionda vista ieri sul bus. Aveva i capelli lunghi biondi, viso non truccato con lineamenti fini, magliettina a spalline bianche, pantaloncini Adidas cortissimi rosa con righe bianche e un paio di Nike Shox grigie con il baffo e i pistoncini rosa. A essere pignolissimi era un pò magrolina e le dita erano un pò troppo lunghe ma non si può avere tutto perfetto ^_^
Possibile che non capiti mai di incontrarne una così in situazioni più normali?! Fatemi capire, io mi devo beccare tutte quelle che se la tirano con il viso truccato, le unghie pitturate, minigonna, collant e tacchi a spillo?! Ma perchèèèèèè!!!! Non mi piacciono così tirate e poco naturaliiiii!! :-(

lunedì 27 giugno 2005

Cioccolato fuso e fusi di testa...

Oggi dovrebbero venire a sistemarmi l'aria condizionata. Incrociate le dita, grazie.
Ieri faceva così caldo che quando sono andato a prendere in soggiorno il cioccolato fondente la tavoletta si è praticamente piegata. Il cioccolato bianco era trattenuto solo dalla stagnola e dalla carta (ho dovuto metterlo in frigo!). Eroicamente ho deciso di continuare sul mio cammino e ho proceduto a fare i calzoni da portare in ufficio per la pausa pranzo (la pasta di pane l'avevo fatta in precedenza con la macchina del pane) e il cheesecake cioccolato e caffè con sopra il caramello e le nocciole come quello che ho mangiato da Hooters a New York!! E' tutto venuto molto bene: la foto ve la metto stasera. E ora vi lascio alle chicche di oggi:

Come ben sapete hanno detto che oggi sarà uno dei giorni più caldi della settimana e infatti già alla mattina si suda solo a stare fermi ad aspettare il bus. Salgo sull'autobus pregando che sia uno di quelli con l'aria condizionata funzionante e di trovare un bel frescolino a bordo. L'aria condizionata è accesa, si sente il ronzio ma... tutti i finestrini sono aperti!! Timbro, chiudo quello di metà e cerco di chiudere quello sotto il condizionatore. Un tizio in giacca e cravatta mi guarda e dice "eh, ma l'aria...": lo fulmino con lo sguardo e gli indico il gigantesco bocchettone dell'aria condizionata sopra la sua testa. Si zittisce. Faccio in tempo a girarmi che vedo la signora seduta dall'altra parte sorridermi con faccia ebete e dire "ma sono tutti aperti". Proprio in quel momento l'autista ha deciso di socchiudere i due tettucci del bus. Mi sono arreso. Quando la coglioneria sale oltre certi livelli, è come combattere contro i mulini a vento. Il brutto è che di coglioni in giro ce ne sono davvero tanti. DISTRUTTIVO.

Mentre mi rannicchiavo sotto il bocchettone dell'aria condizionata dalla parte dei finestrini chiusi, ho notato una ragazza vestita un pochino (poooooooco) strana. Capelli biondi platino, trucco scuro e collare con spuntoni. Sotto aveva una specie di tessuto rosa a rete a maglie molto larghe. Ai lati le maniche erano tagliate più o meno a metà e i 10 cm di tessuto rosa mancanti erano sostituiti da una spilla da balia (il tutto molto curato, mica tipo sfattone!). In fondo alla manica una specie di rettangolo nero con una punta. Sopra la rete rosa, una maglietta nera con spalline. Sulla mano, anelli e borchie disposti in un'unica fila. Al collo due collane con crocefissi neri (uno grande e uno piccolo). In basso, gonnellone nero e anfibi dello stesso colore. In mezzo a tanti "normali" molto coglioni, un tocco di colore e originalità. BENVENUTA.

**AGGIORNAMENTO**
Ho l'aria condizionata in cameraaaa! Evviva, evviva, evviva!
Il cheesecake è venuto davvero buonissimo: senza dubbio il mio miglior cheesecake da quando ho iniziato 4 mesi fa e il merito va anche al nuovo libro che ho preso l'ultima volta che sono stato su a NY. Quello che ho fatto ieri è venuto bello sodo e cremoso, con la base asciutta e guarnito con un mio topping di caramello e qualche nocciola spezzettata è diventato divino. Esattamente uguale se non migliore del cheesecake che avevo mangiato da Hooters!!! Eccovi la foto: la parte chiara è al naturale, la scura con cui ho anche marmorizzato la parte superiore è al cioccolato e caffè. Topping al caramello e nocciole spezzettate.

domenica 26 giugno 2005

Europa Europa - Tutto su mia madre

Ieri sera mi sono dato al cinema e ho visto ben due film. Avevo deciso di preparare tutto come si deve e quindi ho messo su schermo, proiettore e impianto DD. Il primo film è stato "Tutto su mia madre" di Pedro Almodovar. Il DVD l'avevo preso alla Esso un annetto fa ma l'ho sempre snobbato perchè era una commedia dalla trama non granchè stimolante. La protagonista sposa uno che prima le da un figlio, poi diventa un travestito. Lei scappa a Madrid col figlio e lo cresce. Durante uno dei suoi compleanni il figlio viene investito e muore. La protagonista torna a Barcellona dove ritrova un altro travestito e una suora che si è fatta mettere incinta (e contagiare dal virus dell'AIDS) dall'ex marito-travestito della protagonista (un bel puttanone, non c'è che dire ^_^). Alla fine muoiono tutti: muore la suora durante il parto, muore l'ex marito di AIDS e lei se ne torna a Madrid... Che dire? Un film senza dubbio ben fatto ma che non mi ha esaltato più di tanto: i protagonisti sono praticamente tutte donne (più o meno travestite ^_^ ), la trama è originale ma costellata di morti e tragedie il che non è che sia molto stimolante. Aggiungo che vedere tutti quei travestiti mi fa una certa impressione. Voto: 6,5
L'altro film che ho visto è stato Europa Europa. L'avevo già visto anni fa alla TV in italiano ma ovviamente qui da noi si preferisce fare i DVD dei film di Natale dei Vanzina piuttosto che le cose serie. Il DVD che ho visto ieri è quello comprato negli Stati Uniti ed è in tedesco e russo (o l'una o l'altra lingua a seconda di dove si svolgono gli avvenimenti!) oppure in francese (quello che ho visto io). Viste le lingue presenti, i sottotitoli sono in inglese, francese e spagnolo. Europa Europa parla della vita di un ragazzo ebreo all'avvento del nazismo e della seconda guerra mondiale. Non pensiate che sia un film palloso e statico: tutto il contrario, senza contare che è tratto da una storia realmente successa. Quando le cose cominciano a mettersi male per gli ebrei, il protagonista scappa e si rifugia in Unione Sovietica dove finisce in un orfanotrofio di stato. Durante la sua permanenza impara il russo, entra nel Komsomol e diventa un perfetto comunista. Quando la Germania invade l'Unione Sovietica viene catturato dai nazisti ma grazie al suo perfetto tedesco e a qualche trucchetto si salva e viene incorporato nell'esercito. Un giorno, volendo disertare, provoca però la cattura di un gruppo di soldati sovietici nascosti su una collina e diventa un eroe. Il comandante allora lo manda in una importante scuola riservata alla gioventù hitleriana. Alla fine, quando la sconfitta della Germania è ormai vicina, viene rimandato al fronte coi compagni. Diserta e viene catturato dall'Armata Rossa. I sovietici non credono minimamente che lui sia ebreo e lo vogliono uccidere ma... il finale, lo lascio scoprire a voi. ^_^
In tutto questo mi sono dimenticato di dirvi che lui, essendo circonciso, rischiava di essere riconosciuto come ebreo in ogni momento e questo non era proprio il massimo nella Germania di Hitler, figuriamoci in una scuola di future SS. Il film è molto bello, ricco d'azione e di colpi di scena (non ve li ho mica raccontato tutti, eh!). Permette inoltre di farsi un'idea degli indottrinamenti che venivano fatti ai giovani sia dai comunisti che dai nazisti. Un film che sa far riflettere senza essere palloso e moralista. Voto: 9

La chicca di oggi l'ho trovata su Internet dove sono riuscito a scovare un "bellissimo" paio di Adidas che concorreranno al premio "La più orribile calzatura sportiva dell'anno":

Se qualcuno volesse (ahimé) comprare questa "delizia" dal design modernissimo e dal costo di quasi 94 euro, può farlo qui:
http://www.oliviero.it/shop/268/75/219/articolo.php?codice=10325

Come promesso, ecco la foto dei muffin che sono venuti bene e molto gustosi (il tocco del caramello è davvero notevole):

sabato 25 giugno 2005

Sabato giorno di riposo

Sabato giorno di riposo. Non certo per motivi religiosi ma semplicemente perchè sono a casa dal lavoro. Me la sono presa comoda. Sveglia (purtroppo) alle 7.30 per il caldo ma poi surfata veloce sul web, passeggiata tranquilla con la mia dalmata, spesa al Lidl, pranzo "freddo" (zucchine alla griglia, prosciutto cotto, cottage cheese e piccolo gelato tipo Magnum del Lidl) e poi alle 13.30 in punto... NANNA! Ho dormito più o meno saporitamente fino alle 15.40 e poi con calma di nuovo passeggiatina e scelta della ricetta dolce per la colazione di domani. Così ora in forno ci sono dei muffin al caramello e gocce di cioccolato (farina, sale, lievito, vanillina, olio di mais, latte, uovo, caramelle mou sciolte con un pò d'acqua al microonde, gocce di cioccolato Hershey's residuo del mio viaggio a NY). 12 muffin in stampo di silicone e forno ventilato a 180°C. Vediamo cosa e soprattutto come escono. Se vengono bene, vi posto la foto. :-P

venerdì 24 giugno 2005

Matrix has YOU!

Girando per caso sul web ho trovato un programmino davvero carino. Il programma in questione simula lo scendere delle lettere che vedevano gli "operatori" nei film della serie Matrix. La cosa bella è che potete fare scorrere le lettere anche SOPRA il vostro sfondo della scrivania oppure disegnare lo sfondo della scrivania tramite lo scorrere delle lettere. Potete inoltre cambiare il tipo di lettere che scorrono, il colore e persino la frase sibillina che ogni tanto compare ( Matrix has you! ). Il programma è freeware e ne sono disponibili anche i codici sorgenti. La pagina del progetto ZMatrix è qui su Sourceforge: http://zmatrix.sourceforge.net . In alternativa potete usare questo indirizzo: http://zmatrix.n3.net . Chi ha XP può scaricare la versione per NT/2000 che va benissimo. E occhio perchè, come scritto qualche giorno fa, l'agente Smith è già fra noi ^_^

Questo è il mio desktop mentre sta girando il programma ZMatrix (cliccateci sopra per vederlo meglio). Lo sfondo è uno di quelli che potete scaricare dal sito NikeWomen, ottima fonte di ragazze bellissime abbigliate sportivamente (per andarci digitate http://www.nike.com quindi scegliete Europe -> Italiano -> Women ).

**AGGIORNAMENTO**
Sono riuscito a trovare un sito dove fare un mio "doll" almeno vagamente rassomigliante. L'ho subito messo qui a sinistra: capelli castani lisci/corti, occhi azzurri, polo bianca (l'unico colore che ho trovato, sigh...), pantaloni di taglio sportivo e Nike (purtroppo di decenti c'erano solo le Air Max '95). Già che c'ero ho fatta anche quella che avrebbe dovuto rappresentare la mia anima gemella ^_^ ma purtroppo è venuta fuori come una 15enne :-((
Vabbè, guardate la foto Nike qui sopra che rende benissimo l'idea dei miei desideri o della mia utopia se preferite. ^_^

I figli degli altri...

Anche se a VOI non ve ne fregherà nulla, vi aggiorno sull'aria condizionata. Ieri dopo una telefonata e una visita personale il negozio mi ha assicurato che manderà un altro tecnico di sua fiducia a farmi visita LUNEDI'. Meglio di niente ma il week end dovrò ancora passarlo facendo tutto il giorno la sauna sigh.

Oggi è arrivata una e-mail a tutto l'ufficio che una certa collega Z ha avuto il bambino. Si sono sentite urla d'entusiasmo, si sono fatti balletti di giubilo e da più parti sono nate iniziative spontanee per ricoprire la collega di regali. Entro nella stanza di fianco e la prima cosa che mi dicono è "sai che Z ha avuto un bambino?" e io "certo, hanno spedito l'e-mail a tutto lo studio..." "ah, già è vero...". Mi sono proprio irritato. Ora, io posso capire l'istinto materno di certe colleghe ma francamente non me ne frega nulla se Z ha avuto il bambino e me ne frega ancora meno di farle il regalo. Z la conosco per lavoro, non siamo in confidenza, non è mai stata gentile in modo particolare: dovrei forse fare i salti di gioia per una cosa che in fin dei conti è normalissima e riguarda la sua vita privata? Poi parliamoci chiaro: non condividerò mai nulla con Z, probabilmente non vedrò mai suo figlio e quindi cosa cavolo mi devo entusiasmare e fare regali?! MAH...
Per assurdo (sottolineo PER ASSURDO perchè se no ci sarebbe subito qualcuno pronto a gridare allo scandalo; i soliti ipocriti comunque...) sarei più contento di sapere che una collega ha preso un cane o, meglio ancora, un dalmata. Infatti in questo caso potremmo farli incontrare e giocare insieme, insomma ci potrebbe essere una qualche interazione. Se il figlio è di una persona che conosco appena, scusate, ma CHISSENEFREGA. Oppure anche voi siete di quelli che gioiscono perchè la cognata del lattaio ha avuto un figlio? :-/

Per quanto riguarda le avventure sul bus della mattina, oggi non ho grandi cose da raccontarvi, giusto due banalità.
La prima, che a un certo punto è salita una tizia con gonna e giacca nera, borsa e foulard verdi e... scarpette arancione fosforescente tipo pennarello evidenziatore!
ABBAGLIANTE.

Successivamente stavo pensando ai fatti miei quando sento "miao, miao" e mi chiedo "dov'è sto povero gatto che miagola a questa maniera?"... era invece il telefonino della simpatica bruttona con le mani viscide dell'altro ieri che miagolava a tutto spiano. SEMPRE PIU' REPELLENTE.

giovedì 23 giugno 2005

JOIN THE (zombie) ARMY!

OK, ve lo dico subito, sono ancora incazzato soprattutto per il condizionatore: il tecnico non è ancora uscito. Poi questa settimana non sono ancora riuscito a fare un dolce e questo mi fa molto soffrire soprattutto a colazione. ;-) Per fortuna avevo messo in freezer qualche fetta di cheesecake ai frutti di bosco. Questo week end ci darò dentro per farmi un pò di scorte dolci e salate.

Parliamo allora di cinema. Ultimamente purtroppo i produttori si caratterizzano per una fantasia e originalità prossimi allo zero. Si rubano le avventure ai fumetti, si fanno episodi multipli stile telenovela e si realizzano remake riciclando vecchi film. Anche Romero non è stato da meno e infatti a breve uscirà un altro suo film con protagonisti gli zombie. Il titolo è Land of the dead ( sito ufficiale qui: http://www.landofthedeadmovie.net ).

Romero è il regista che ha creato il filone horror sugli zombie ed è suo "Zombie", un film a basso costo ma ben fatto e che ebbe per questo grande successo. Benchè io non ami i vecchi film e non sia appassionato di horror, devo ammettere che "Zombie" è ancora oggi un film molto piacevole a vedersi. Ne è stato fatto anche un remake dal titolo "L'alba dei morti viventi" uscito circa 1 anno fa. Zombie racconta di alcuni superstiti che si rifugiavano all'interno di un centro commerciale e da lì cercano di sopravvivere difendendosi dagli zombie e dagli sciacalli.
Il nuovo film di Romero compie un passo avanti. La terra è ormai divisa in due, l'incubo è diventato normale routine: da una parte ci sono gli zombie e dall'altra gli umani che cercano disperatamente di sopravvivere, il tutto in un'atmosfera molto simile a quella di 1997 Fuga da New York. Nelle foto si vede un mezzo con aria molto futuristica e degli zombie piuttosto intraprendenti: staremo a vedere.

Veniamo alla chicca del giorno, sempre sull'autobus ovviamente! Oggi mentre me ne stavo tranquillamente leggendo il giornale sento un pò di casino in cima al bus. Guardo e vedo due tizi che vengono verso di me e verso l'obliteratrice che ho al mio fianco. Tutto normale? Ma manco per sogno. I due tizi non sono certo di Milano: la parlata ha accento meridionale, hanno delle valige al seguito ma soprattutto... sono vestiti e hanno le stesse pettinature come nel film "Il Padrino"!!! Ma la gente ogni tanto guarda fuori dal proprio buco e si aggiorna o cosa? BENVENUTI A MILANO, ANNO 2005 D.C.

mercoledì 22 giugno 2005

La rana, l'ape e il comunista

Ieri ero così consumato dal lavoro e dal caldo che alle 21.30 ho spento tutto. Oggi invece, a parte un avvio un pò brusco, tutto sembra procedere in modo più riposante così posso intrattenervi con il solito piccolo affresco di vicende metropolitane che avvengono sull'autobus che mi porta in ufficio. La prima cosa da notare è che alla mattina gli autobus non hanno mai l'aria condizionata inserita e fa parecchio caldo. La gente apre allora i finestrini così quando in mezzo alla giornata c'è un caldo micidiale e l'autista fa partire l'aria condizionata, il caldo resta praticamente lo stesso visto che il mezzo è diventato rovente e i finestrini sono ancora aperti. Non commentate questo fatto per favore, si commenta da sè. Voto 3 alla gente che non riesce a capire che quando parte l'aria condizionata è bene sigillare tutto e Voto 2 all'ATM che romperà le palle agli autisti di far andare l'aria condizionata il meno possibile per risparmiare sul carburante. E veniamo a stamattina.

Salgo, mi accomodo a metà autobus e subito di fianco a me si siede una bruttona con l'aria scocciata. Comincio a pensare ai fatti miei quando l'autobus fa una curva piuttosto bruscamente. Vengo sballottato, mi tengo agli appigli e sento una mano appiccicosa che mi si appoggia sul lato come a spingermi via. Ancora lei. Ma cosa vuoi da me? Ma credevi che ti rovinassi addosso? Che sensazione orribile quelle manacce umidicce, perchè non ha tenuto le sue mani appiccicose a posto? Mi ha fatto subito venire in mente quelle rana con la pelle velenosa che non devi toccare se non vuoi stare subito male. REPELLENTE


Sempre sul bus a un certo punto sale una ragazza e si piazza davanti a me. L'ho già vista diverse volte e non me la posso scordare perchè ha degli occhiali da sole terribili: grandi, rotondi e scuri che mi fanno tanto venire in mente una versione gigante dell'ape Maia. Già, l'ape Maia la tenere piccola ape che andava di moda quando ero piccolo. Ma qui è 100, 1000 volte più grande e si è trasformata in un incubo. Orrore nell'orrore, gli occhiali hanno due gigantesce D e G ai lati, tutte fatte con i brillantini. PUNGENTE (dal cattivo gusto)

Infine, verso la fine del viaggio, ho potuto notare alla mia sinistra un distinto signore, capelli brizzolati, in giacca (sul braccio), camicia bianca e cravatta. In mano una copia del Manifesto che tentava di leggere senza dar fastidio a nessuno. Mi ha fatto venire in mente Cofferati. Ovviamente non era lui. L'ho riguardato bene e mi ha ispirato simpatia malgrado il mio primo pensiero fosse stato "'sto qui vota Bertinotti al 100%". E' strano come ci siano persone che sanno subito ispirare simpatia per come appaiono e come si muovono e altre che invece sono subito odiose come la rana poco sopra. BANDIERA ROSSA PORTATA CON CLASSE

**AGGIORNAMENTO**

Leggo sul Corriere on-line ( Http://www.corriere.it )
vendite al dettaglio: -3,9% in aprile In discesa dello 0,8% anche rispetto al mese precedente. Negativo il dato sugli alimentari. Piccola distribuzione in crisi. Sud -8,2%

Toh, che strano. Il brillante genio che commenta questi dati si è dimenticato di dire che IL NOSTRO STIPENDIO è rimasto INVARIATO rispetto all'anno scorso quando I PREZZI sono sicuramente stati ADEGUATI al nuovo anno.
I soldi sono quelli, non si creano dal nulla: se a parità di stipendio aumentano i prezzi, diminuiscono i consumi. Semplice, no?

lunedì 20 giugno 2005

Aria condizionata: che nervi!!

Non è possibile. Ripeto, NON E' POSSIBILE. Ho deciso di far montare il condizionatore dall'installatore per evitare di fare casini, ho speso 230 euro e... IL CONDIZIONATORE NON VA!!! Ieri sera nel mio buco di camera, 27°C e un condizionatore da 12.000 btu sparato a SUPER POWER per un'ora non è riuscito ad abbassare la temperatura di neanche un grado!! Già avevo notato che sotto una valvolina fuori sul balcone usciva un liquido appiccicoso ma questa è stata la conferma che c'è qualcosa che non va!! L'aria usciva praticamente a temperatura ambiente!! Sono davvero FURIOSO e pure stressato perchè so già che comunque non faranno salti di gioia ad ammettere che il condizionatore è da risistemare... e stasera dovrei pure andare in stazione a prendere il biglietto del treno che ho comprato ieri via Internet.

Giusto per non stressare troppo pure voi, ecco la notiziuola ;-P del giorno:
L'Icann ( http://www.icann.org ) ha dato il via libera all'uso dei domini XXX per cui fra poco anche voi potrete comprarvi il vostro dominio e avere un sito tipo www.oravifacciovedereio.xxx !! Aha, dimenticavo, se non l'avete ancora capito si tratta di un dominio destinato principalmente ai siti porno. ^_^

Infine la cosa stramba. Sempre sul mitico autobus che mi porta al lavoro (oggi vuoto perchè probabilmente ne era passato un altro poco prima) sale una giovane ragazza vestita con top bianco con ciliege, pantaloni verdi (se non ricordo male) e scarpette rosa, una borsa piuttosto voluminosa (Pink Bag...) con infilato dentro un IPod mini e una borsa con dentro un portatile... La cosa buffa era che le scarpette rosa avevano in cima due stringhette di decoro il cui fiocco si era sciolto e la tizia ha cercato di rifare il fiocco tenendo su borsa e valigetta del portatile, le cuffie dell'Ipod nelle orecchie e alzando la gamba tipo fenicottero. Il tutto mentre l'autobus era in movimento. Dopo due tentativi in cui per poco non è finita in fondo all'autobus, finalmente ha deciso che era meglio appoggiare a terra tutto, smettere di ascoltare la musica e allacciarsi le stringhe come tutti! ^_^
EQUILIBRISTA MANCATA.

domenica 19 giugno 2005

Lo Spiofonino, il telefonino che vi spia...

Facendo ordine sulla scrivania, ho trovato la rivista Week.it (quella del 3 giugno) in cui c'è un interessante articolo che fa riferimento ai telefonini-spia (spiofonini li chiama ^_^). Secondo quanto dice l'articolo, qualcuno potrebbe regalarvi un telefonino con dentro un microfono nascosto attivabile con una telefonata a un numero speciale mentre il telefonino è acceso. Il numero poi non verrebbe memorizzato sul cellulare nella lista delle chiamate ricevute così da lasciare pulito il telefonino. Da quel momento tutto quello che viene detto nel raggio di 10 metri, viene inviato allo spione che può così controllare la persona o le conversazioni che avvengono nelle immediate vicinanze. Costo: 800-3000 euro quindi neppure tanto. Non ho verificato la notizia per cui prendetela con le pinze! :-P

A pranzo ho visto Bloody Mallory.

Effettivamente è un filmetto senza pretese ma più che guardabile se si tiene conto che è costato una frazione di quello che costano i colossal. Grossomodo dovete considerare che state guardando un telefilm tipo Buffy e non un film propriamente detto. In ogni caso la protagonista è davvero molto carina (almeno secondo i miei gusti piuttosto anomali) e quindi se non altro ho mangiato in piacevole compagnia. ;-) Voto: 6,5

Infine un aggiornamento per le cose strambe.
Nello stupendo Blog di Claudia che non finisce mai di stupirmi per le sue vignette, ho trovato un'altra chicca che vi segnalo ossia un mp3 con la sigla di Mazinga che è diventato... Ratzinger! E' davvero troppo bella, a meno che non siate ferventi cattolici ^_^

Il Grande Ratzinger
Ratzinger
Ratzinger
Ratzinger
Ratzinger

Trema,
Il regno delle Tenebre del Male
dalla fumata del conclave arriva
la spada del teologo Ratzinger

(Calici rotanti!)
Papaaaaa
Ratzinger
(doppio Pater)
Papaaaaa

Vola,
dalla Baviera a Roma
giu' in picchiata,
La Piazza di San Pietro
e' gia' gremita
Martini batte i denti
c'e' Ratzinger

(litanie fotoniche!)
Papaaaaa
Ratzinger Papaaaaa
(Raggio Graal!)
Ratzinger Papaaaaa
(Mea culpa)
Ratzinger Papaaaaa
(ostie perforanti)

Ha la mente un poco buia,
ma del resto l'età c'e'
non conosce il progressismo,
una riforma che cos'e'
Se poi cade si rialza
e ti scomu--niche--ra'.

Ratzinger
(luce divina!)
Papaaaaa
Ratzinger Papaaaaa
(Omelia del vangelo)
Ratzinger Papaaaaa
(benedizione perforante!)
Ratzinger Papaaaaa
(Raggio esorcista)

Ratzinger
(cannone sistino!)
Ratzinger
(acqua di benedetto!)
Ratzinger
(anelli del pescatore!)
Ratzinger

Forte,
Ma l'Italiano
poi chi glielo insegna,
Magari i Ciofani
in Piazza di spagna
Non c'e' una messa
ormai senza Ratzinger

(croce boomerang!)
Papaaaaa
Ratzinger Papaaaaa
(campana fotonica!)

Non conosce la paura ,
ne' un berlusca che cos'e',
La sua enciclica e' gia' pronta,
ripudiato cio' che e' Ose'
e se sei un omosessuale
con la frusta arrivera'

Ratzinger Papaaaaa
(lama diabolica!)
Ratzinger Papaaaaa
(doppia Ave Maria)
Ratzinger Papaaaaa
(acqua di benedetto!)
Ratzinger Papaaaaa
(anelli del pescatore!)
Ratzinger Papaaaaa
(luce divina!)
Ratzinger Papaaaaa
(Calici rotanti!)
Ratzinger Papaaaaa
(doppio Pater)
Ratzinger Papaaaaa
Ratzinger Papaaaaa
(luce divina!)
Ratzinger Papaaaaa
(Raggio Graal!)
Ratzinger Papaaaaa
Ratzinger Papaaaaa
Ratzinger Papaaaaa
Ratzinger Papaaaaa



Complimenti alla sconosciuta cantante e a chi ha avuto un'idea simile. Grazie a Claudia per averla raccolta e pubblicizzata. Il suo post da cui potete anche scaricare l'mp3 lo trovate qui: http://www.ciemmerre.com/dblog/articolo.asp?id=57
Buon inizio settimana a tutti!!!

The Forgotten? Naaaaaa!

Ieri sera la cena è andata bene. Ho anche dovuto fare una torta salata "al volo" visto che a qualcuno era venuta una voglia! Anche se era un uomo, lo capisco benissimo perchè anche a me spesso viene il desiderio di mangiare qualcosa di particolare. Il dolce che ho servito alla fine è stato questo:
mousse varie in cestello

Ossia
a) una mousse di banana in cilindro di cioccolato fondente 72% con in cima un cucchiaino di puré di banana e una stella di cioccolato fondente
b) una mousse di fragola in coppetta di cioccolato bianco decorata con mezza fragola fresca
c) un ventaglio di pasta sfoglia

Sono molto soddisfatto perchè più o meno è venuto tutto come volevo, devo solo perfezionare i cilindri. D'altra parte faceva così caldo che non si potevano neanche maneggiare: dopo due minuti che erano fuori dal frigo cominciavano già a sciogliersi...
Alla fine ci siamo accomodati sul divano e, acceso e regolato il proiettore, ci siamo preparati a vedere il film. Purtroppo il film non è stato all'altezza della serata. Non era un disastro ma neppure nulla di speciale, tanto che stamattina mi ero già scordato il titolo che sono dovuto andare a ricercare su Internet. Dunque, il titolo era "The Forgotten"


Scheda film qui: http://filmup.leonardo.it/sc_theforgotten.htm
La trama in sè potrebbe anche andare ma quello che non va assolutamente è che il film perde tempo sulle cose inutili (30 minuti vengono sprecati a far capire che la tizia ha perso il figlio in un incidente d'aereo quando bastavano 10 minuti), con la scusa dei flashback ti fanno rivedere le stesse scene decine di volte (e certo, così si aumenta un pò la misera durata del film...) e soprattutto non dà spiegazioni (in particolare a proposito degli alieni) per cui uno alla fine rimane con l'amaro in bocca. Insomma, dove cavolo finiscono i tizi che sono stati risucchiati in cielo (sull'astronave immagino...). Cosa cavolo gliene frega di fare certi esperimenti agli alieni? Cosa sono venuti a fare sulla terra? Vogliono conquistarla? Anche le scene d'azione sono una la ripetizione dell'altra (l'NSA cerca lui e lei, loro scappano, l'NSA li insegue e loro che sono più furbi si nascondono e riescono a mettersi in salvo) e quindi diventano di una banalità micidiale. Davvero MOSCIO come film. Speriamo che oggi Bloody Mallory sia meglio: ora vado a prendermelo.

P.S.: che caldo ieri sera! E oggi si preannuncia uguale se non peggio...

sabato 18 giugno 2005

Cucina mon amour

Bene, il menù è stato definito. Ieri sera ho fatto provvista di formaggi (mozzarella di bufala, robiola con le erbe, parmigiano stagionato 20 mesi, tomini, burrata, crescenza, taleggio, fontina DOP, Boursault che è un formaggio morbido morbido, un pò stagionato, con della muffetta gialla sopra con un odore piuttosto pronunciato), salumi (salame Milano, prosciutto crudo, prosciuttino cotto da tagliare a momento, prosciutto cotto alle spezie, mortadella ai pistacchi) e casomai non bastasse ho aggiunto oggi dal Lidl una selezione speciale di salame di tacchino con spezie o al naturale. In caso ho poi del Feta e del Gruyere originale svizzero preso al Migros (*) che è imbattibile (non ne ho ancora mangiato di migliore...). Stamattina ho poi preso l'insalata per decorare e come accompagnamento, i grissini e i panini da fare al forno in emergenza casomai qualcuno desideri ancora dell'altro pane. Inftti pomeriggio farò la pasta di pane con la macchina del pane e poi con quella delle focaccine sottili aromatizzate con rosmarino e salvia. Ho poi preparato tutto per fare i contenitori (cilindri e ciotoline) di cioccolato bianco e nero per le mousse (fragola e banana) che farò nel pomeriggio e che saranno il dessert. Se ho tempo magari faccio anche qualche muffins o qualche brownies... vediamo. Domani se non mi sono scordato di farle, vi posto tutte le foto. Non pensate a chissà che festa, saremo in tre, ma dopo il buffet proseguiremo con la proiezione di un film (non abbiamo ancora deciso anche se a me sarebbe piaciuto questo:

di cui trovate la recensione in inglese qui: http://www.girlswithguns.org/long/mallory.htm (date anche un'occhiata al sito: è originale) o in italiano qui: http://www.hyperreview.com/Bloody%20Mallory.htm . Ho visto il trailer e il film, girato con un budget ridicolo, sembra essere commedia, film d'azione e presa in giro allo stesso tempo. Bechè Mallory sia al servizio della Chiesa e corra a salvare addirittura il papa, non raccomando questo film ai più ferventi e bigotti cattolici ^_^ Beh, se non lo vedo stasera, me lo noleggio domani. Anche perchè le ragazze come Mallory che fanno le dure mi fanno impazzire!

(*) supermercato svizzero

venerdì 17 giugno 2005

Busy

Voglio una vacanza: sono davvero troppo stanco in questi giorni... too busy. Ieri ho scoperto che ha aperto una nuova videoteca completamente automatica di fianco a casa mia: è la terza nel giro di 30 metri ma probabilmente non farà cattivi affari visto che quella dove andavo io fino a poco tempo fa chiede 3,70 euro per una sera di noleggio (questa 2,50, che col bonus di ricarica di ieri con cui ho pagato 50 e sono stato ricaricato di 90, scende a 1,50). 3,70 è decisamente troppo per un noleggio completamente automatizzato fatto oltretutto con una sola macchina veloce e due macchine lente e antiquate. Nel week end ci darò dentro coi film dato che sarà almeno un mese che non ne vedo uno come si deve. Per il resto niente di strambo da notare ma vi lascio due quadretti **aggiornamento: tre quadretti!**.

Passando in autobus ho visto una tizia con un vestito verde Shrek. La macchina che guidava aveva attaccato dei bei parasole verde Shrek sui vetri posteriori e il tutto faceva proprio scena, come se fosse stato studiato appositamente.
GRADEVOLE.
Oggi mentre aspettavo l'autobus all'ombra dello sgabbiotto arriva una ragazza che si piazza di fianco a me con la sigaretta accesa. Ma certa gente non ha sufficiente materia grigia da capire che in un posto chiuso il fumo può dare parecchio fastidio?
DA STROZZARE.
**aggiornamento**Oggi devo avere una particolare attenzione per i colori. Tornando a casa sull'autobus (lo so, lo so, sempre lì ma non ho un tubo da fare sull'autobus quindi osservo le cose con tanta attenzione) ho visto una signora piuttosto cicciotta con camiciona marrone con fiori CIANO (sì, il blu elettrico che si usa come colore primario in stampa CMYB ), cellulare con cover personalizzata con decori CIANO e cinturino dello Swatch con decorazione con tinta predominante ancora CIANO. Accostamenti tutti in tinta, effetto... terribile.
NAUSEANTE.

giovedì 16 giugno 2005

Chocopass

In questi giorni sono un pò impegnato. Un pò col lavoro, una cena fuori, il parrucchiere e poi sabato sera ho ospiti e voglio fare un dolce un pò particolare (devo anche fare la spesa). Pensavo a due diversi cilindri di cioccolato ripini di mousse di tipo diverso ma ci devo ancora pensare. Anche una torta potrebbe andare bene, magari uno zuccotto gelato? Vabbè, poi vi faccio sapere ;-)Per il resto non ho molto da dire. Vi faccio solo notare una bellissima iniziativa dell'ente turistico di Torino che è partita l'anno scorso ma credo sia ancora valida. Sto parlando del CHOCOPASS che vi offre 10 degustazioni di cioccolose specialità torinesi in 24 ore o 15 in 48 ore.


Ulteriori informazioni qui: http://www.turismotorino.org/ scegliendo dal menù di destra la voce Offerte Imperdibili e quindi Chocopass.

La domanda che mi pongo è: riuscirò prima o poi ad andarci? Se non altro in occasione dei saldi a luglio quando vogli andare allo spaccio Robe di Kappa.

mercoledì 15 giugno 2005

Empatia informatica

Oggi vorrei parlare del rapporto che hanno le persone con l'informatica. La cosa che più mi colpisce è che spesso la gente vede il PC come un qualcosa di alieno, un animale da domare contro cui bisogna combattere tutti i giorni per fargli fare quello che si desidera. Niente di più sbagliato. Il PC deve essere il vostro fedele compagno, quello a cui delegate i compiti faticosi, colui che vi fa risparmiare tempo e vi toglie dagli impicci quando vi ci ficcate. Anche lui, come tutti, ha bisogno di piccole attenzioni per rimanere in salute: un windows update oggi, una scansione antivirus domani e un controllino anti-spyware al mese. Così va impostato il rapporto col PC: dovete entrare in sintonia, sentirlo vicino a voi, dovete cercarlo inconsapevolmente quando avete bisogno di qualcosa. Ora una piccola carrellata di frasi tipiche dette dalle persone con poca (o nessuna) empatia verso i PC...
"E' solo una macchina"
E' vero, sono solo delle macchine ma ne più ne meno che il frigorifero, l'automobile o l'ascensore. Proprio per questo non potete lamentarvi che non vi aiuta se lo trascurate. Come la vostra auto, se non fate manutenzione, rischia di non funzionare bene o rompersi.
"E' stupido!"
Certo che è stupido, è una macchina! Ma stupido non vuol dire inutile. Con l'intelligenza, si può far diventare il PC uno strumento utilissimo. E se manca l'intelligenza? Ehm, vabbè, questo è un altro discorso ^_^
"Non ci capisco niente!"
E' normale. Il PC è una macchina complessa. La gente fa il corso per imparare a guidare l'auto (corso di teoria e lezioni pratiche) ma pretende di nascere già "imparata" per quanto riguarda il PC che è un oggetto ben più complicato. Prima di accampare scuse, fatevi un esame di coscienza! :-P
"Ma a cosa mi serve comprare un PC?"
Uh, ci si potrebbe riempire un libro con quello che possono fare i PC di oggi. Il problema non è quindi "a cosa serve un PC" ma "in cosa mi può aiutare un PC". Siete voi che dovete chiedergli le cose: come abbiamo detto lui è una stupida macchina! A solo titolo d'esempio, ecco cosa si può fare con un PC e qualche periferica:
-scrivere un diario, un libro... un BLOG!
-cercare informazioni su un argomento che ci interessa
-comprare i biglietti per il treno, l'aereo, un concerto, il cinema...
-tenere il bilancio domestico
-vedere le previsioni del tempo per il week end
-disegnare
-comporre musica
-ascolare la musica, vedere film, registrare film e trasmissioni televisive
-fare un DVD con i filmati delle vacanze
-giocare da soli, con gli amici o con gente in ogni parte del mondo
-fare telefonate e videotelefonate
-compilare l'Unico (tasse) e spedirlo al ministero delle Finanze senza dover correre a recuperare i moduli cartacei e far la fila per consegnare il modulo
-controllare il proprio conto in banca e fare bonifici
-confrontare i prezzi, l'assortimento e eventualmente comprare quello che ci serve
-vedere se un aereo è atterrato o ha ritardo
-controllare il bollettino stradale
-vedere le proprie foto delle vacanze e se necessario ritoccarle
-scaricare i moduli per varie pratiche senza dover muoversi da casa
-leggere le notizie dei quotidiani gratis o a costo ridotto e in tempo reale
... devo continuare? ^_^

Aggiornamento di oggi sulle cose strambe
Passando in autobus ho visto un corvo atterrare tranquillamente sul banchetto di un fruttivendolo e servirsi a piacere dell'uva esposta. GRANDE!
Sempre in autobus, una tizia ha passato tutto il tempo (20 minuti almeno) a fare telefonate per cercare un commercialista. Va benissimo, ma lo fai alle 8.45 su un autobus affollato, berciando come una gallina? TRISTE.

martedì 14 giugno 2005

L'agente Smith è in mezzo a noi!

Ho deciso che d'ora in avanti posterò tutte le robe che vedo in giro e che mi sembreranno strambe. Non ho detto che SONO strambe ma che A ME sembrano strambe ^_^
Comincio col dirvi che mi è venuto un dubbio: ma noi esistiamo veramente o pensiamo d'esistere quando invece è tutta una simulazione? Insomma, detto in parole povere siano dentro a MATRIX? Vi chiedo questo perchè spessissimo sull'autobus che mi porta in ufficio, vedo l'agente Smith...

è lui, sempre elegantissimo, fronte alta e spaziosa, i capelli corti e gli occhiali da sole: ogni volta che lo vedo mi viene un coccolone! Speriamo di incontrare Trinity prima o poi! ;-)
Già che ci sono aggiungo due altre perle. Oggi in pausa pranzo ho visto un tizio girare con una t-shirt con scritto "M. Jackson innocente! - Italy". R A B B R I V I D I S C O . Come si fa a portare con tanta disinvoltura una simile porcheria? OK, aggiungetela alle cose che non metterei MAI. Per finire in bellezza, sull'autobus, c'era una tizia con paio di pantaloni militari (quelli larghi verde mimetico con in fondo lo zip) con (udite, udite) un paio di scarpe con i tacchi a spillo. Chi va a spiegarle che forse era meglio abbinarci un paio di anfibi o al massimo un paio di scarpe da ginnastica? ^_^
Trovo che seguire la moda in maniera così ottusa porti alle volte a cadere davvero in basso. Tanto, tanto in basso.
Stasera mi tuffo in una cena a base di pesce... riuscirò a deliziare i sensi mangiando pure qualcosa di dietetico: cosa chiedere di più?

lunedì 13 giugno 2005

26% di votanti: VERGOGNA!

Dico ma vi rendete conto?! Se questo referendum così importante ha avuto solo il 26% dei votanti significa che:
1) La legge che stabilisce il quorum va cambiata perchè altrimenti ogni volta si sbattono via soldi per nulla
2) La gente che vota a sinistra preferisce andare al mare piuttosto che votare quello per cui crede
3) La gente che vota a sinistra (e che non è andata al mare) ha preferito non votare perchè la chiesa cattolica ha invitato ad astenersi. Ma come? Costoro si sono già scordati quello che disse Marx ossia "La religione è l'oppio dei popoli"?
3) Gli italiani che ce l'hanno tanto con gli Stati Uniti e che gridano allo scandalo ogni volta che Berlusconi segue la stessa linea politica di Bush non si sono accorti che il Vaticano, ancora una volta, ha interferito negli affari e nella politica interna di uno stato estero... Com'è che il papa si è permesso di dare consigli a cittadini di uno stato confinante e nessuno ha detto niente?


AGGIORNAMENTO per oggi: messo a posto i vecchi post nel BLOG, fatte alcune piccole correzioni nel template, aggiunto il link ai Blog di Ciemmerre e Valeria. Il cheesecake è venuto molto bene. La fetta in palio questa volta è stata vinta da Manuel
;-)
Eccoti qui la tua fetta:

cheesecake

Nuova grafica!!

Ho solo le energie per dire "che ne dite della nuova grafica"? Domani con calma farò gli ultimi aggiustamenti ora sono stracotto!

Giusto per avere un'idea, prima il mio blog era così:

Poi ho preso da Mela (vedi Credits) questo template:

mi sono fatto tutta la grafica e l'ho trasformato così:


Vado a mettere il cheesecake in frigo e vado a letto!!

domenica 12 giugno 2005

Donne e scarpe sportive...

Sottotitolo: disquisizioni a proposito di ragazze e scarpe da ginnastica (non prendete tutto alla lettera però ^_^)

Dunque, su spunto di Manuel e su gentile richiesta di Videogirl ( http://spaces.msn.com/members/lostinfriuli ) vi illustro una teoria che ho trovato una volta su un sito web di un ragazzo tedesco. Il tizio in questione sosteneva che è possibile avere un'idea del carattere di una ragazza in base al tipo di scarpa sportiva che mette. In parte concordo e aggiungo che in alcuni casi è pure possibile individuare grossomodo il tipo di orientamento politico della persona (ossia destra o sinistra). La teoria tedesca originaria diceva che se una ragazza mette scarpe un pò più maschili e sportive tipo queste:
ni

vuol dire che ha un carattere piuttosto deciso, determinato, che non si perde tanto nel problema "sembrerò poco femminile" o "mi fa il mio piccolo piedino grosso come un'anguria" ma bada piuttosto ad avere un paio di scarpe davvero sportive e non per fare la sfilata e farsi vedere nel centro il sabato pomeriggio. Cosa che invece tendenzialmente pensano le ragazze che preferiscono mettere scarpe tipo queste:
sup

Sarà vero? Non sarà vero? Francamente non so mica dirvelo anche se personalmente io preferisco ragazze con delle scarpe sportive del primo tipo. Trovo le Superga davvero IMMETTIBILI e mi chiedo come sia possibile che tante ragazze mettano un paio di scarpe così anonime e dal design terrificante!
La mia teoria politica credo invece che sia piuttosto azzeccata (anche se ovviamente alle volte si possono prendere degli abbagli...). Non è specifica sulle scarpe ma sull'abbigliamento in generale. Penso che uno decida come vestirsi non solo in base all'umore, a cosa deve fare o dove deve andare quel giorno ma anche in base a cosa vuole comunicare agli altri. Così per esempio chi porta la Kefiah è generalmente di sinistra. Chi ha qualcosa della Lonsdale, difficilmente voterà Rifondazione comunista. Anche per le scarpe è più o meno la stessa cosa. Un "Rifondino" non metterà mai un paio di Nike Shox quanto piuttosto un paio di All Star o di Adidas Stan Smith o di Gazelle...
sin

Coloro che sono di esterma destra / sinistra spesso vestono con anfibi. Insomma a mio parere si può parlare di linguaggio dell'abbigliamento tenendo sempre conto che non siamo tutti uguali, non la pensiamo tutti allo stesso modo, che molti di noi hanno dei gusti propri e in alcuni casi nessuna idea politica. Trovo molto divertente vedere cose si veste la gente e cercare un motivo in questo. Per lo stesso motivo, trovo divertentissimo vedere cosa compra la gente al supermercato e mettermi a pensare cosa poi cucina o fa alla sera. Per esempio l'ultima volta c'era una ragazza con scatole e scatole di pizza surgelata all'americana (quelle con su di tutto... bleah!), Coca Cola e poi patatine e surgelati vari. Oltre a trarre la conclusione che non fosse una gran cuoca ^_^ ho immaginato che stesse facendo la spesa per una festicciola con gli amici. Oppure che fosse la sua cena del sabato, sola soletta davanti alla TV perchè è qui a Milano da sola per l'università.

La domenica...

E siamo già a domenica... accidenti, domani già si deve ricominciare..
:-(((
Tanto per cominciare stamattina sveglia alle 7.30. Dico, ma i miei e in parte mia sorella , hanno un orario così sballato da andare a letto alle 21 e svegliarsi alle 7 pure sabato e domenica?
Già che sono stato svegliato all'alba ne ho approfittato per andare al parco con la mia dalmata. L'erba era ancora alta quindi ho evitato di starci troppo, poi non c'era anima viva a parte qualche corridore della domenica. Dopo essere tornato a casa, sono andato al seggio. OGGI CI SONO I REFERENDUM speriamo se ne ricordino tutti. Camminata al seggio, salgo, dò la carta d'identità e il ragazzo seduto davanti al registro comincia a cercare... cercare... cercare... "non lo trovo" dice a un certo punto al compagno. E l'altro "guarda che il cognome è X..." e lo sveglione "ah, già, è vero...". Cominciamo bene, mi sono detto! ^_^
Ma non è finita. Mentre Sveglione tira giù i dati della mia carta d'identità, vedo la presidente (o vicepresidente) che maneggia un kit di 4 schede. La guardo meglio e vedo che sta cercando di riaprirle e ripiegarle in modo corretto visto che l'elettore precedente gliele aveva date piegate in qualche modo. Mi metto a fissarla (lo so, sono bastardo dentro...) e lei comincia a girare la testa da una parte e aprire/ripiegare le schede dall'altra (oh, povero me!!!! Io le avrei messe dentro piegate in qualche modo... in questi casi, meno dai nell'occhio scartabellando schede, meglio è). Dopodichè, quando ha finito, innervosita perchè l'ho continuata a guardare per tutto il tempo, ha pure cercato di mettere le schede nelle urne sbagliate. Per fortuna se ne è accorta in tempo e ha rimediato. Glielo diamo il premio a questa sezione? OK, assegnato: PREMIO DELLA GIURIA come SEGGIO DEI RINCOGLIONITI alla sezione XXX!!
:-P
Bene e ora via al montaggio delle zanzariere e poi pranzo, nanna, cheesecake e poi chissà se riesco a mettere a posto un pò la mia camera, fare un pò di cyclette e cambiare il template del mio Blog? (devo studiarci come fare ma prima o poi ci arrivo!). See you soon...

venerdì 10 giugno 2005

Come sono difficile... riflessioni a ruota libera.

Lo so, lo so, ma non ci posso fare nulla. Sono difficile, difficile, tremendamente selettivo. D'altra parte se una cosa non mi piace perchè me la devo far piacere???!!! Stasera ho girato in lungo e in largo per non so quanti blog e non sono riuscito a farmene piacere nemmeno uno.
:-(
A parte i miei due fedelissimi che continuo a leggere con piacere, stasera ho trovato davvero poco. Un blog deve essere sì qualcosa di personale ma dare anche un minimo di contenuti interessanti. Leggere che oggi X ha pensato al suo fidanzato/a per 10 volte non è che mi esalti molto. Vedere che sul Blog di Y c'è una bandiera della pace grossa come una casa e il banner "Via dall'Iraq" non mi fa certo gioire. Mi fa piuttosto venire in mente cosa succedeva in Unione Sovietica dove il regime organizzava gigantesche manifestazioni di piazza in cui si inneggiava alla pace quando era il paese con il più grande o uno dei più grandi eserciti del mondo...
Come posso leggere il Blog di una che è lì a lodare con un mezzo romanzo quanto è stata bella ed emozionante l'ultima lezione prematrimoniale... corso che io reputo, al giorno d'oggi, un insulto all'intelligenza delle persone. Ormai ci si sposa in età abbastanza avanzata e tu, prete, all'alba dei miei 30 anni mi viene a spiegare cosa? Lasciamo perdere, grazie.
Meglio che me ne vada a letto. Domani devo fare un dolce per festeggiare la partenza di un mio amico che si trasferisce per lavoro negli Stati Uniti e con sua moglie passa a trovarmi qui a casa. E rendo tanto di cappello agli Stati Uniti!

Non perchè sono un paese più bello o migliore del nostro ma perchè mi dà fastidio l'antiamericanismo imperante in Italia che non ha nessuna giustificazione logica ma è solo frutto di lavaggio di cervello. Io ci sono stato, sono contento di vivere in Italia ma mi guardo bene dal diro che gli Stati Uniti fanno schifo... anche noi qui in Italia di vergogne e scheletri nell'armadio ne abbiamo tanti. Questo mio amico ci voleva andare, ci ha creduto e ci è riuscito: il 20 parte e va in Arizona. Chissà quando tornerà ma spero di incontrarlo presto, almeno in video-chat. Meglio che vada a letto perchè mi innervosisce sbattere via un'altra serata davanti al PC. No, sbaglio, non è certo sbattuta via ma ogni tanto mi immalinconisco a pensare quello che vorrei fare ma che non riesco a realizzare. Possibile che sia così difficile trovare lavoro fuori in campagna? Possibile che sia così difficile trovare la persona giusta con cui condividere gioie e dolori della vita? Possibile che sia così difficile trovare vera amicizia nella gente che ci circonda? Sono io troppo buono e terribilmente ingenuo? Andiamo a letto, domani la battaglia ricomincia. Buonanotte.

Per me la moda è...

Oggi prendo spunto da un articolo che ho letto su LEGGO per parlare di MODA. "Cosa metterete quest'estate?" "Quest'anno proibiti i pinocchietti" recita l'articolo. La prima risposta che mi passa per la testa è "ma chissenefrega!". Chissenefrega cosa metterò quest'estate e chissenefrega se non vanno più di moda i pantaloni 3/4 (pinocchietti è un nome che ho sempre odiato). Il mio concetto di moda è profondamente influenzato dai miei gusti personali. Se anche una cosa è di moda ma non mi piace, non la metto. Se non è più di moda ma mi piace, continuo a metterla. Che senso ha seguire i gusti ballerini degli stilisti il cui unico scopo è farvi spendere (tanti) soldi ogni anno in vestiti nuovi? Per carità, non sono certo quello che vuole far durare la roba a ogni costo. Non mi metterei mai un paio di Nike di 10-15 anni fa quando il design e i materiali usati erano diversissimi. Vi ricordate le classiche Nike di pelle, bianche col baffo blu?
Mi ricordano una mia compagna che le desiderava tanto e alla fine era riuscita a farsele regalare! OK, ora sono immettibili: si vede che stai riciclando un vecchiume terrificante! E comunque a mio parere sono piuttosto immettibili anche le imitazioni che vanno di moda in questo momento. Al giorno d'oggi abbiamo la possibilità di mettere una scarpa fatto con materiali nuovi, più gradevoli da vedere, sicuramente più comoda visto che l'ammortizzazione non è più data solo dalla suola di gomma ma anche da più o meno complicati sistemi a base di molle, cuscinetti d'aria e via dicendo .
Ritornando al nostro discorso: perchè buttare qualcosa che ha solo 1 o 2 anni? Soprattutto, perchè gettare QUALCOSA CHE CI PIACE? Allora, anche se non sono più di moda, continuano a piacermi i capi mimetici, le piastrine militari di riconoscimento, i pantaloni 3/4, i top, le Silver e le Shox e non so cos'altro: tutte cose che fra l'altro su una ragazza a me piacciono più che mai! La moda deve essere un suggerimento, non un obbligo. La moda non c'è solo per i vestiti. E' divertente ricordare come ai tempi dei paninari era di moda l'hamburger (oltre alle Timberland http://www.timberland.it , al Moncler http://www.moncler.it ...). E che dire del periodo in cui fuori da Pastarito e Pizzarito ( http://www.pastarito.it ) c'era una coda esagerata? Poi dopo il boom e le aperture una dietro l'altra, ora i Pastarito Pizzarito si sono notevolmente ridotti. Aggiungo poi la moda dei piercing e poi dei tatuaggi. Da un anno con l'altro polpacci, colli, braccia si sono riempiti di farfalle, motivi etnici e chi ne ha più ne metta. Le mode vanno benissimo, sono una bella cosa ma quello che propongono uno lo deve fare perchè è convinto e gli piace, non perchè fa figo...

giovedì 9 giugno 2005

NY: cibo, cibo e ancora cibo...

Una delle cose più incredibili di New York è che è possibile mangiare praticamente di tutto, a qualsiasi ora, in qualsiasi posto. Questo ha dei risvolti positivi ma anche negativi (soprattutto sulla linea!). Se si gira nella parte più lussuosa di Manhattan (diciamo intorno alla 50° nella 5th avenue e viali adiacenti) è un continuo susseguirsi di carretti con bretzel, hot dog, mandorle, nocciole e noccioline tostate e alla mattina donuts, fette di torta e bagels. Per i più arditi, ci sono anche i carretti con odorosi ammassi di carne che è lì a sfrigolare dalla mattina alle 8.30... la mia collega se ne lamentava sempre quando ci passavamo davanti per andare al lavoro dopo colazione. Se non vi vanno gli snack, nelle vie laterali ci sono una serie ininterrotta di ristoranti e bar. Purtroppo, nella zona citata sopra, moltissimi sono italiani (sic). Parliamo ora in generale di cosa e dove mangiare cominciando dalla colazione. I posti non mancano a cominciare dalla catena Starbucks ( http://www.starbucks.com/ ) e Dunkin Donuts ( http://www.dunkindonuts.com/ ) ma se volete mangiare americanissimo ma con un tocco di atmosfera europea,vi consiglio la catena "Au bon pain" ( http://www.aubonpain.com/ ). I locali sono puliti, luminosi e l'assortimento è veramente notevole e di discreta/buona qualità. Se volete provare a fare una colazione all'americana, potete cominciare a prendere dal pentolone una coppetta di zuppa d'avena (fiocchi d'avena cotti nel latte) e cospargela con le gocce di cioccolato (e un cucchiaio di zucchero perchè stranamente la zuppa è al naturale!). Gli altri pentoloni in esposizione apriteli soltanto e leggete il cartello perchè sono di alimenti assolutamente incompatibili (Chili, zuppetta di pomodoro, ecc...) al nostro stomaco, almeno di mattina! Proseguite poi con dei muffins e dei donuts (freschi ogni mattina e provenienti dalla catena Krispy Creme ( http://www.krispykreme.com/ ). Se volete, potete anche farvi preparare al momento un bagel (ciambella di pane) caldo caldo e ripieno di quello che desiderate. Fin dal mattino sono anche disponibili insalate e macedonie di frutta. Da bere succhi confezionati, succo d'arancio fresco, latte, caffé, cioccolata... c'è anche la baguette francese ma non l'ho assaggiata. Ora passiamo alle precauzioni d'uso. ricordatevi che siamo negli USA dove tutto è almeno un 30% più zuccherato che da noi quindi cercate di evitare le cose già in partenza particolarmente dolci. Il caffé è fatto con la macchina a filtro ed è lunghissimo, per chi è abituato al nostro italiano, quasi acqua colorata. Il succo d'arancio fresco è generalmente col ghiaccio il che vuol dire che lo troverete allungato a meno di berlo subito appena lo mettono sul banco. La cioccolata (se vi va bene) sa di cioccolato al latte molto dolce. Se vi va male non sa di nulla visto che, come mi spiegava un mio collega, quella più scadente viene fatta con acqua (orrore!), zucchero e qualche cucchiaio di preparato al cacao in polvere. Se siete negli USA per lavoro, non vi preoccupate che la vostra colazione continuerà anche in ufficio o quantomeno sarà possibile prendere gratis e senza limiti, caffé e the. Volendo potete chiedere anche il caffé col ghiaccio in modo da fare un ice-caffé (si fa per dire...). Ricordatevi anche che gli americani vanno pazzi per gli abbinamenti e gli aromi, quindi troverete facilmente cibi e bibite in innumerevoli variazioni. Per esempio il caffé è possibile trovarlo aromatizzato alla cannella, al caramello, alla menta: tutti profumatissimi e... artificialissimi!!! Negli USA ci vanno pesanti anche coi coloranti per cui la vostra vista sarà spesso catturata da toni tipo rosa-shocking (fragola), verde pisello (pistacchio o spinaci), viola shocking (frutti di bosco), giallo fosforescente (limone) e così via.Passiamo al pranzo e alla cena. A New York è possibile mangiare tutti i tipi di cucina. Si va dal fast food (Mc Donald's) a lussuosi e carissimi ristoranti. La cosa che vi stupirà è la presenza di tantissimi ristoranti italiani, anche fuori Little Italy. Guardateli con simpatia e passate oltre. La cosa che davvero vale la pena di mangiare è l'aragosta e le gambe di granchio. Vi consiglio quindi il seguente ottimo ristorante COLDWATERS al 988 2nd Avenue (dovrebbe essere all'incrocio con la 52° se mi ricordo bene)
dove è possibile mangiare un menù con insalata mista, pane all'aglio e aragosta al vapore per meno di 25 euro. Se preferite mangiare un hamburger andate da Burger Heaven ( http://burgerheaven.com/ ) 20 east, 49th street (praticamente poco prima che la 49° incroci la 5th avenue).
Mi hanno anche consigliato la catena Jackson's Hole ma non ho avuto modo di sperimentarla. Un locale dove dovete assolutamente passare è Hooters ( http://www.hooters.com/ vi consiglio di scaricarvi il filmato Hooters Bootcamp in questa pagina http://www.hooters.com/fun_stuff ). Secondo me non c'è altro locale più americano di questo. Quello di NY è tutto in legno chiaro con una grande cucina a vista. A servire ci sono solo ragazze vestite con una t-shirt con sopra un gufo (simbolo del locale), pantaloncini corti arancioni, scarpe da ginnastica bianche. Ovviamente altezza minima 1.70 e corpo perfetto da lasciare sbalorditi non solo i ragazzi!!
:-P


Contrariamente a quello che si potrebbe pensare, il locale è normalissimo, aperto a tutti, famiglie comprese; le ragazze sono molto gentili e professionali. Insomma, non è un locale per ragazzini con troppi ormoni in movimento ma un fastfood con un tocco di originalità in più. Ufficialmente il piatto forte del locale sono le ali di pollo che non ho avuto occasione di assaggiare (ho preso dei banalissimi gamberi al vapore) tuttavia vi raccomando il Cheesecake al caramello perchè è davvero spaziale. Ho assaggiato quattro diversi cheesecake a New York e quello di Hooters è stato sicuramente il migliore, peccato che esista solo nel gusto "caramello". Apro qui una parentesi sul cheesecake. Il cheesecake è uno dei dolci tipici americani e solitamente qui in Italia è piuttosto snobbato per il fatto che essendoci del formaggio pensiamo a chissà quale schifezza dolce-salata. In realtà il formaggio è formaggio fresco tipo Philadephia che mischiato con uova, zucchero, cioccolato, ecc non sa assolutamente ne di salato ne tantomeno di formaggio quanto piuttosto di panna o mascarpone. Quindi assaggiate tranquilli la vostra fetta di cheesecake!Riassumendo, ho assaggiato i seguenti cheesecake:
-Maxim's (se non ricordo male; è una steak house vicino a Times Square)
Alto, molto compatto, non esageratamente zuccherato, discreto sapore
-Junior's
Alto, molto compatto, troppo zuccherato, sapore nascosto dallo zucchero
-Lindy's
Alto, compatto, cremoso, non esageratamente zuccherato, poco saporito con poca guarnizione
-Hooters
medio, compatto, cremoso, zuccherato giusto, molto saporito

Un posto rinomato dove sono andato e che vi sconsiglio è Smith & Wollensky ( http://www.smithandwollensky.com ). E' una steak house ma ho mangiato così così pagando uno sproposito... se proprio ci capitate, date un occhio ai camerieri: qui ho visto il più alto cameriere della mia vita!
Un posto dove assolutamente NON dovete andare a mangiare è Chinatown. Passateci perchè è molto caratteristica ma poi ritornate in un posto dove le carte di credito sono accettate e il concetto di pulizia è simile al nostro qui in Europa. Chinatown è un ammasso di negozi e ristoranti dall'aria vecchia, sporca e trasandata in cui aleggia un vago sentore di fritto rancido. Io e la mia collega abbiamo cercato di andare in un posto come si deve ma il risultato è stato terribile. Dopo aver adocchiato un posto con camerieri in giacca e cravatta e attirati da "qui si accetta American Express" (in tutta Chinatown è praticamente impossibile pagare con carte di credito) siamo entrati nella sala del ristorante. Ci hanno fatto accomodare e poi d'incanto è apparsa una cinese con un carrello fumante pieno di piattini e coppette con sopra dei coperchi di bambù che ha cominciato a proporci ogni serie di alimento con una foga e una insistenza degna della migliore venditrice porta a porta.
La mia collega ha ceduto alla valanga di parole e si è vista recapitare un piatto con un raviolo trasparente ripieno di pezzetti di pollo, carne, verdure e una fondina con dei ravioli. Senza chiedere ne aspettare un attimo, la zelante cameriere ha innaffiato di brodo i ravioli e di salsa di soya il raviolo trasparente. Dopodichè si è materializzato al mio fianco un cameriere e ha segnato (in cinese) le due portate su un foglietto bianco a righe rosse. La mia collega ha quindi chiesto se era possibile tenere i coperchi dei due piatti in modo da non far raffreddare il cibo mentre andava a lavarsi le mani e qui è successo il finimondo. Avete presente quando buttate un pezzo di pane in uno stagno e tutte le anatre accorrono per mangiarselo? Beh, poichè la tizia non capiva quello che le aveva chiesto la mia collega (parlava solo cinese) sono accorsi altri camerierei e si sono messi a discutere su cosa fare e a strapparsi i coperchi sotto i nostri occhi!!! ( O M G ! )(*)
Alla fine è arrivato il caposala e dopo aver preso i coperchi dalle mani dei camerieri li ha posti sui due piatti. Io ho poi ordinato dalla lista un piatto di maiale in agrodolce. Nel casino generale, nessuno ha pensato alla cosa più importante che in tutti i ristoranti seri fanno come prima cosa: portarti un gigantesco e gratuito bicchierone di ghiaccio con dentro un pò di acqua del rubinetto. Abbiamo quindi chiesto a un cameriere se per favore poteva portarci una Coca Cola e un bicchiere d'acqua e questo annuendo è sparito verso la cucina. Mentre stavamo aspettando, ecco apparire un altro cameriere che ci guarda, si ferma e... si mette a dire "mangiate, mangiate, perchè non mangiate?!" (O M G (*) parte 2... ma siamo in un allevamento di oche all'ingrasso o in un ristorante?!). Finalmente arriva da bere e ci mettiamo a mangiare. Anzi, no, CERCHIAMO di mangiare. La mia collega sbocconcella con aria non troppo convinta il contenuto del suo raviolo e scarta senza appello i ravioli ( "puzzano!" mi dice...). Io allora mi armo di forchetta e parto all'assalto del mio maiale in agrodolce. Ne prendo un pezzo cilindrico, lo metto in bocca (bleah che saporaccio), mastico e ingoio: lo stomaco si ribella peggio che se mi fossi messo a mangiare un sasso! Guardo la mia collega. Lei guarda me e dice "andiamo?". E i camerieri hanno pure avuto la faccia tosta di chiederci la mancia (abbiamo lasciato 1 $ ) che negli USA non è mai compresa (ma va data per educazione). OK, se volete mangiare cinese andateci in Italia prima di partire per gli States!
Per concludere vorrei fare alcune riflessioni generali sul mangiare negli Stati Uniti. Generalmente il cibo è di qualità nettamente minore rispetto al nostro standard. Non solo le bibite e i dolci sono troppo dolci ma anche il sapore degli alimenti è diverso e più "sintetico". Questo non vuol dire che negli Stati Uniti si mangi male, anzi, si può mangiare molto bene seguendo alcune regole:
-prendete solo piatti tipicamente americani e fatti con cibo di provenienza USA
-prendete piatti poco elaborati
-evitate troppe cose fritte (sempre presenti in abbondanza nei menù) se non conoscete bene il ristorante
-evitate o mettete poca salsa/e sul cibo
-non risparmiate troppo sul mangiare: le cose buono hanno un costo
-ricordatevi che le porzioni sono circa 1,5x o 2x le nostre e quindi non ordinate antipasto, primo, secondo, contorno e dolce come fareste qui
-ricordatevi che non è obbligatorio prendere da bere: potete chiedere sempre e gratuitamente un bicchiere d'acqua (o meglio, di ghiacchio con acqua!).
-ricordatevi che il servizio (mancia) non è mai compreso e che dovete lasciarlo (10%-20% del conto) alla fine del pasto in contanti oppure aggiungendolo sul talloncino del pagamento della carta di credito al momento della firma.


(*) OMG=Oh my God!!!

mercoledì 8 giugno 2005

Intermezzo...

Stasera sono stanchissimo: ieri sera ho dormito solo 4 ore. All'1.30 ero su a leggere i miei libri di cucina e a mangiarmi biscotti con pepite di cioccolato (fatti in casa come si deve...). Va beh, la ecensione sul cibo a NY la rimando a domani o dopo. Qualche update al volo: durante la mia ettimana di assenza è stato anche installato il condizionatore! Ieri l'ho provato e va a meraviglia.
Fuori devono girare uno scatafascio di pollini: a New York stavo benissimo e qui il naso mi cola come una fontana!
:-(
Infine, sono usciti i nuovi modelli di Nike Shox per ragazze su NikeID ( Http://nikeid.nike.com ). Finalmente un modello come si deve e anche per il mercato italiano. Peccato il prezzo (sigh) anche se devo dire che questo tipo di scarpa è molto confortevole e l'ammortizzazione a pistoni dovrebbe essere più resistente di quella classica a cuscinetti (anche se un tantino brutta da vedere). Ovviamente su NikeID è possibile scegliere i colori e personalizzare la scarpa con il proprio nome o nickname. Questa quella che ho fatto io tutta in nero ma è possibile farla anche con colori più feminili... peccato che non ho la ragazza a cui regalarla!
:-P

martedì 7 giugno 2005

NY: cosa e dove comprare

Una delle mie passioni è lo shopping quindi mi dilungherò un pò. Cercherò di dare anche qualche consiglio utile anche se non è detto che vi interessino le stesse cose che piacciono a me. Cominciamo col dire che in questo momento non ci sono problemi particolari a comprare negli USA visto che il dollaro è basso (stamattina, 1 euro = 1,22 dollari). Ovviamente è opportuno comprare nei posti giusti in modo da spuntare prezzi bassi e fare veri affari. Cominciamo con libri, CD e DVD. Ho provato a girare un pò per librerie ma i prezzi sono quasi sempre quelli di copertina. Per avere prezzi bassi e sfruttare magari delle rimanenze (bargain) vendute a prezzo scontatissimo io consiglio di comprare su www.amazon.com e farsi poi spedire a un indirizzo locale negli Stati Uniti (o in albergo se state più di una settimana). Nelle grandi città il pacco, anche con la modalità più lenta, dovrebbe arrivarvi in una settimana circa. Io ho sfruttato la spedizione gratuita che si ottiene facendo ordini maggiori di 25 dollari e in questo modo l'acquisto diventa davvero conveniente. Rimane il problema che prima di comprare un libro, bisognerebbe vederlo in modo da capire se ne vale davvero la pena. Amazon ha fatto parecchio in questo senso dato che ha messo le scansioni delle prime pagine di diversi libri disponibili nelle schede prodotto e quindi se ciò non sostituisce una consultazione dal vero, quantomeno aiuta un minimo. Stesso discorso vale per i CD (dei quali è possibile ascoltare i primi 30 secondi di molte tracce) e per i DVD (occhio che sono zona 1 / NTSC e quindi dovete avere un lettore multizona e un televisore compatibile).
Per quanto mi riguarda, ho preso 7 libri di cucina (2 sui muffins, 1 sui cheesecake, 1 sulle grigliate, 2 sul cioccolato, 1 sui biscotti al cioccolato), 1 DVD (Europa, Europa) e 1 CD per un amico (la colonna sonora di Sin City)
Ed ora veniamo alle scarpe (sportive). Poichè prendo solo Nike, vi racconterò la mia esperienza in tal senso ma direi che in generale la si può estendere a quasi tutte le marche più conosciute. La prima cosa da dire è che a Manhattan (ho girato una decina di negozi con un buon assortimento) i modelli più belli costano più o meno la stessa cifra ovunque. Sicuramente si può risparmiare una decina di dollari prendendole nel negozio un pò più decentrato o sfruttando qualche offerta di fine serie. Sta di fatto che per un paio di Nike Shox accettabili (escludendo quindi colori incomprabili che non vuole nessuno tipo arancione, rosso, ecc.) si va dai 90 ai 110 dollari corrispondenti all'incirca a 70-80 euro che sono circa la metà di quello che spendereste qui a Milano. Trovate anche modelli meno costosi ma vi sconsiglio di andare sul troppo economico dato che già risparmiate diverse decine di euro e quindi conviene prendere un modello bello e confortevole.Altra cosa da notare è che i modelli che trovate qui, spesso non ci sono là e viceversa! Per cui (per farvi un esempio) le Silver che qui troviamo ovunque, lì sono praticamente introvabili (idem per esempio per le "Squalo" che non sono così famose). In compenso trovate altri modelli e colori ugualmente belli e confortevoli per cui non vi preoccupate troppo!!!Mi hanno riferito che negli outlet fuori città (1 ora almeno di strada in macchina) i prezzi sono ancora più bassi ma bisogna vedere se ne vale la pena: ricordate che il tempo è denaro anche in vacanza visto che non vi potete fermare in albergo a NY per mesi interi. Sconsiglio gli store ufficiali delle rispettive marche (Adidas, Nike, ecc.) che sono ovviamente più cari dei negozi anche se potete magari trovare alcuni articoli difficilmente reperibili in giro. Sulle scarpe più economiche e banali (un nome a caso, le Stan Smith dell'Adidas) alle volte è possibile prenderne due paia per circa 50-70 dollari anche se io dico che è sempre meglio guardare più alla qualità che alla quantità!
Dopo aver un pò girato, sono riuscito a prendermi queste:



che sono un modello in edizione limitata tutto in pelle (così sono pronto per l'inverno quando piove!). Poichè nel negozio era l'ultimo paio, sono riuscito a prendermele a 109 dollari anzichè 129.
Visto che siamo in tema, parliamo anche di Timberland. I prezzi standard sono ovunque circa la metà rispetto a noi. Peccato che il design, se si escludono i classici modelli da barca e tipo scarponcino, secondo me è terribile... Volevo prendere qualcosa ma alla fine ho rinunciato.
Per quanto riguarda l'abbigliamento (sempre sportivo/casual) la cosa si fa più evanescente dato che dipende moltissimo dai gusti personali e da quello che si cerca. Io sono riuscito a trovare una bella cintura in pelle per 10 euro. Convenientissime ovunque le calze sportive sulle quali ci sono spesso promozioni, magliette e magliettine varie.
Per quanto riguarda gli strumenti per la cucina, se volete solo vederli, passate da Williams & Sonoma ( http://www.williams-sonoma.com ). Il negozio infatti ha dei prezzi improponibili a meno di essere in stagione di saldi ma vale in ogni caso una visita perchè è davvero spettacolare. Per gli strumenti da cucina l'ideale è comprare on-line in modo da poter scegliere il miglior prezzo e avere un assortimento davvero vasto. Questa volta ho comprato: un set di fogli in plastica per imprimere diversi soggetti (legno, pietra, mattoni, travi di legno, ecc) su pasta frolla e panspezie; una serie di formine per biscotti con la zucca di Halloween e la possibilità di intagliare diverse espressioni; due piccoli dalmata in plastica per decorare le torte; dei pennarelli alimentari per scrivere su varie superfici (glasse, cioccolato, ecc.), una forma per fare 12 piccoli cheesecake e un bicchiere graduato della OXO (www.oxo.com) fatto in modo particolare in modo da essere letto anche dall'alto



Vogliamo parlare di articoli militari & simili? A New York vi sono diversi negozi di questo tipo e i prezzi sono in genere abbastanza abbordabili. La qualità invece insomma... è quella che è! Patches escluse (per le quali vi conviene andare qui: http://www.surplusinc.com ), vi consiglio di andare al negozio che fa capo a questo sito: http://www.armynavydeals.com o, se non dovete comprare cose misurabili come vestiti o anfibi, ordinare direttamente on-line. Nel negozio infatti l'assortimento è molto limitato e per di più pagate anche le tasse (circa il 10% del prezzo). On-line invece avete disponibile tutto l'assortimento, le spese di spedizione praticamente gratis, niente tasse e in omaggio una piastrina militare con relativo cordoncino. Io mi sono preso il cappellino e l'adesivo delle Forze speciali, i famosi occhiali, due bandierine americane e una grossa bandiera nera con la scritta ARMY e il simbolo dell'esercito americano in giallo. Avrei voluto anche prendermi anche un paio di anfibi ma non credo che in città li avrei mai messi!!!
Altri due negozi da non trascurare sono Toys R Us e Hershey's in Time Square. Il primo è il più bel negozio di giocattoli che io abbia mai visto. Tanto per cominciare è così grande che al proprio interno ha addirittura una ruota panoramica con le navicelle su cui i bambini possono fare un giro. Poi ha un assortimento di giocattoli per tutte le età che è davvero spaziale. I prezzi sono buoni, non parliamo degli articoli in saldo (tutto l'anno) che alle volte possono essere addirittura scontati del 70-90%! Assolutamente imperdibili le gigantesche costruzioni di Lego e il Tirannosauro ruggente al primo piano. Ci sono anche giocattoli per adulti come giochi da tavola o Action Figures. Per 12 dollari mi sono preso questa Action Figure della Spawn (www.spawn.com) da mettere accanto ai miei DVD in camera e a quelle del Signore degli Anelli



Il secondo invece è il divertente negozio dell'omonima azienda. Si trovano un sacco di cioccolatini diversi (fra cui i famosi baci Hershey's a forma di goccia) e tanti gadget divertenti fra cui lucidalabbra al cioccolato e macchinette per fare cioccolatini e altri pasticci (insomma, cose tipo il DOLCE FORNO della Mattel che tanto desideravo avere quando ero piccolo). E' bene dire anche che il cioccolato costa più o meno come da noi ma è ben lontano (anzi lontanissimo) dall'avere il medesimo sapore. Pur essendo filo-americano non posso non dire che il loro cioccolato standard equivale ad una delle nostre tavolette di peggiore qualità... C'è poco da fare, se cercate del buon cioccolato, restate qui in Europa. Per maggiori approfondimenti leggetevi la parte alimentare che voglio scrivere più avanti.
:-P
Da Hershey's ho preso dei lucidalabbra da regalare, un pacco di piccoli baci fondenti, tre baci medi e le gocce per i biscotti al cioccolato... per fortuna non mi sono fatto tentare dal "4 pacchi di baci a 10 dollari" perchè ieri ho scoperto che per un amante del cioccolato come me sono praticamente immangiabili dato che hanno un retrogusto che col cioccolato c'entra poco...
Infine, per quanto riguarda i negozi, vorrei segnalarvene uno particolarmente conveniente ma al contempo con ottime cose di marca. Il nome della catena è Jack's World e l'indirizzo del negozio dove vado di solito è 45 W 45th St che è una traversa della 5th avenue. Cosa si trova in questo negozio? La risposta è "praticamente di tutto" nel senso che questa catena di negozi rileva le rimanenze dai negozi tradizionali e le riprone a prezzi stracciati. Da notare che a differenza di altri negozi simili che vendono merce di bassissima qualità, Jack's World vende praticamente solo cose di marca come per esempio Wilton e Terraillon (cucina), Mattel e Fisher-price (giochi), L'Oreal (cosmetici), eccetera. Per esempio l'ultima volta c'erano delle forme antiaderenti per dolci Wilton a metà prezzo, e delle bambole della Barbie a prezzi ridicoli. Un piccolo elenco di cose che potete trovare: accessori per la casa (tovaglie, tende, cuscini, ecc.), cosmetici, giocattoli, accessori per lavori (trapani, cacciaviti, viti, ecc.), valige, alimentari, accessori per la cucina, candele, materiale elettrico, ecc. Cosa NON trovate: elettronica, informatica, abbigliamento (salvo l'eccezione che mi è capitata). Cosa ho comprato? Una serie di formine con le lettere dell'alfabeto, tre flaconcini di zucchero colorato con annesse formine natalizie in rame; un termometro elettronico per temperare il cioccolato, una forma rettangolare per crostata antiaderente con fondo amovibile e delle palline di ceramica per tenere bassa la pasta frolla quando la si cuoce senza metterci niente sopra. Per tutte queste cose avrò speso si e no 20 dollari (circa 16 euro).Eccezionalmente avevano esposto anche dei giacconi originali dei New York Yankees ne ho approfttato perchè per 90 dollari (circa 70 euro) ho preso un giubbino ottimamente rifinito, double face e originale US!




New York Yankees - Limited Edition - Reversible Leather & Wool Jacket from J.H. Designs
This is the just released 2004 version with the updated Yankees logos. Varsity style jackets feature a wool chest and back with leather sleeves - stainless steel snaps - reverses to rain resistant, polyester shell with Yankees Logo embroidered on left chest....like getting 2 jackets for the price of one!


Ora un pò di link. Contrassegnati con Postepay i negozi on-line in cui ho comprato e che accettano il pagamento on-line con la carta Visa electron ricaricabile delle Poste Italiane
Libri, CD, DVD:
Http://www.amazon.com (on-line - postepay)
Scarpe sportive:
http://www.footlocker.com (on-line e dal vero)
http://www.champssports.com (on-line e dal vero)
Tool di cucina:
http://www.williams-sonoma.com (on-line e dal vero)
http://www.kitchenkrafts.com (on-line - postepay)
http://www.countrykitchensa.com (on-line - postepay)
Patches militari e patriottiche:
http://www.surplusinc.com (on-line)
Surplus e articoli militari:
http://www.armynavydeals.com/ (on-line - postepay tramite PAYPAL )

Back to Milan

Ooooh, finalmente a casa! Beh, sembra brutto a dirsi ma dopo un pò sento nostalgia dei miei amici, della mia stanza con tutte le cose che ci sono dentro e delle mie piccole pidocchiose abitudini. Tutto è andato bene a parte i viaggi (aereo rotto sostituito con un altro e 5 ore di ritardo all'andata, overbooking e biglietto all'ultimo momento al ritorno). L'aereo mi angoscia, questo è certo. Non mi angoscia come mezzo in sè quanto piuttosto per il fatto che si è sospesi per aria senza possibilità di scampo se succede qualcosa. Mi rompe il dover andare lì un sacco di ore prima e la possibilità che le mie valige vengano perse. Comunque mi rassegno, cosa ci volete fare? Se fosse stato per me sarei andato lì in nave ma visto i tempi e le poche ferie che ho a disposizione... ^_^ Per favorire la lettura mi sa che dividerò le mie riflessioni per argomento. Per le foto, aspettate che torni stasera a casa.

mercoledì 1 giugno 2005

Live from New York

Via e-mail, con la tastiera americana (un'impresa) vi lascio un saluto. Allora, tutti i pacchi sono arrivati (poi vi faccio vedere quando torno). Ieri dopo il lavoro sono stato da Hooters (mamma mia!). Buono il bilancio anche per la parte alimentare. Fra poco voglio provare a passare a prendere da Godiva il nuovo frappe' al cioccolato che pubblicizzano in giro. Lo shopping procede bene e nel pomeriggio c'e' in ballo un giretto a Chinatown e Little Italy. Ora una chicca. L'altra sera in un ristorante dove ho preso un piatto con aragosta e chele di granchio al vapore (ottimo), mi hanno chiesto come desideravo condire l'insalata. Blue Cheese, Italian sauce oppure olio e aceto. Ho chiesto come fosse la sala italiana e mi sono sentito rispondere "come la usano gli italiani per condire l'insalata". Ho fatto finta di
niente e ho detto "OK, va bene". Dopo un po' mi arriva l'insalata condita con panna, yoghurt ed erbe aromatiche... insomma alla tedesca. Per fortuna che a me l'insalata condita cosi' non dispiace...